Galliani: "Puntiamo su Kaladze terzino"

La lotta alla Sla continua. Nel nome di Stefano Borgonovo per il quale Milan e Real Madrid hanno realizzato, col contributo di Telecom, la prossima iniziativa, una sfida tra vecchie glorie da apparecchiare lunedì prossimo a San Siro (ore 20.45, diretta Skysport1). Tra le presenze confermate quelle di Ancelotti, Van Basten e Franco Baresi: come dire il Milan Invincibile che fu. Proprio gli ultimi due, sono stati citati da Adriano Galliani. «Porterei loro due nel Milan attuale» la frase del vice-presidente che ha così esposto il fianco alla domanda successiva, «come mai non Maldini?», che è un tentativo di rinfocolare la polemica personale col vecchio capitano. «Perché Paolo non è ancora una gloria, deve fare ancora un passaggio» la risposta diplomatica. Ma forse la vera notizia è un’altra. E cioè la fede nei numeri del Milan attuale, nonostante le “quattro pappine” del derby. «È una squadra importante in tutti i settori» la convinzione esposta da Galliani per cementare l’autostima del gruppo naufragata alla prima difficoltà. «Alla fine del torneo, per la lotta scudetto, il Milan reciterà un ruolo con Inter e Juve» il suo pronostico che ha più le caratteristiche di una scommessa ardita, molto ardita. E berlusconiana. Al presidente Galliani rivendica un merito: «I tecnici, con lui, sono molto più liberi rispetto ad altri presidenti che in privato sono più invasivi» la stoccata. Infine un retroscena sulla lista Champions. Prima di pubblicarla, c’è stata una telefonata a Kaladze per chiedergli la disponibilità a giocare terzino. «Ha risposto sì» ha fatto sapere Galliani. Il Milan sta cercando di puntellare la falla che si è aperta a sinistra, dalle parti di Jankulovski.