Spezia, il punto della serenità nello stadio che porta fortuna

Spezia, il punto della serenità nello stadio che porta fortuna

Lo Spezia conquista il punto della tranquillità e si salva. All'Euganeo di Padova gli aquilotti fanno uno pari contro i padroni di casa e possono iniziare a pensare alla prossima stagione, la seconda consecutiva in Serie B. Da segnalare che l'impianto veneto rappresenta sempre una sicurezza scaramantica nei finali di stagione dello Spezia. Nel 2006 lo Spezia vi conquistò la promozione in Serie B. Oggi la salvezza. La cronaca non segnala tantissimo a parte i gol. Quello del Padova giunge allo scadere del primo tempo (43') con Ze Eduardo che infila il cross di Rispoli. Lo Spezia pareggio al 20' della ripresa con Di Gennaro su rigore e fa evaporare gli spettri degli spareggi play out. Da quel momento si attende solo la fine.
Guarna: 6 pochissimo impegnato non ha mai avuto modo di essere veramente messo alla prova. Ha comunque guidato la difesa e il gol subito alla fine non pesa visto che il traguardo è raggiunto
Pasini: 6 non spinge adeguatamente come sa fare lui. Pensa di più a controllare in fase difensiva segno che lo Spezia voleva arrivare al punto (dal 16' st Di Gennaro: 6 fa gol e non esulta da ex. Migliora nelle ultime partite. Oggi infatti si conquista il rigore e lo calcia in modo vincente)
Goian: sv uscito quasi subito per un problema fisico alla mandibola (dal 20' pt Romagnoli: 6 sostituisce il romeno e finalmente non commette errori come nelle scorse partite questo gli vale la sufficienza)
Schiavi: 6 ha sentito l'emozione all'inizio per essere un ex ma poi ferma bene Cutulo e Ze Eduardo due pezzi da prendere con le molle
Mario Rui: 5.5 il portoghesino è impegnato più a coprire nel dispositivo odierno ma non riesce a farlo benissimo. Anzi il gol del Padova scaturisce da un suo errore. Forse è più dotato in fase di attacco
Piccini: 6 ha contenuto le azioni venete con una partita tutta attenzione verso la propria retroguardia. In somma sacrificio estremo per uno abituato alle sgroppate nell'area avversaria
Bovo: 6.5 c'era anche un rigore per lui e non lo ottiene. Dimostra che è stata la vera bella sorpresa dello Spezia di quest'anno
Porcari: 5.5 appare sotto tono. Forse colpa del primo caldo che dimostra di patire
Musacci: 6 non è fortunato perché poteva ottenere di più (dal 26' Albaraccin: sv troppo poco tempo in una fase sonnolenta della partita)
Sammarco: 5 gioca in appoggio dell'unica punta e si mangia un gol fatto. Nel 4-4-1-1 dà quantità ma poca qualità
Okaka: 6 ha cercato di fare reparto da solo e ci è riuscito. Di fatto è la vera nota lieta del finale di stagione con Gigi Cagni che è riuscito a fare di lui una certezza

Commenti