Ghana, c’è ancora un’Africa che vola

Rustenburg Si sono ritrovate dopo Germania 2006, erano nel girone dell’Italia, finì 2-1, stesso risultato dell’ottavo di ieri sera, ma con la coda dei supplementari. Il Ghana è la terza nazionale africana che raggiunge i quarti, dopo Camerun nel ’90 e Senegal nel 2002.
Gara corretta ed emozionante, Ghana subito in gol su doppio errore americano, Demerit che non chiude e Howard che perde palla a centrocampo. Subito viva, cambi di fronte continui, il Ghana molto bene con addosso tutto il peso dell’Africa. E in tribuna spettatori d’eccezione, l’ex presidente Usa Bill Clinton, ormai un tifoso abituale delle gare degli Stati Uniti, ha assistito in piedi e con la mano sul cuore, l’esecuzione dell’inno nazionale. Accanto a lui, il cantante e leader dei Rolling Stones Mick Jagger. Clinton e Jagger hanno commentato continuamente la partita e Jagger ha fotografato la rete di Donovan su rigore, quella che ha portato le due squadre ai supplementari. Nessuna delle due è riuscita a prevalere dopo i tempi regolamentari, Ghana avanti con K.P.Boateng al 5’, pareggio di Donovan su rigore al 62’ ma erano gli americani quelli che davano maggiori garanzie per l’ultima mezz’ora, invece su fulminea azione di contropiede, Gyan resiste all’attacco di Bocanegra, mantiene la difesa della palla e infila Howard per il secondo vantaggio africano.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti