Google favorisce lo sbarco delle piccole imprese in rete

Il progetto Distretti sul web favorisce lo sbarco delle Pmi non digitalizzate sul web

Favorire lo sbarco su internet delle Pmi non ancora digitalizzate, per sostenerne l'internazionalizzazione ed aumentarne il giro d'affari. È l'obiettivo del protocollo d'intesa siglato da Unioncamere e Google per il lancio del progetto «Distretti sul web».

Il progetto, patrocinato dal ministero dello Sviluppo economico, si propone di favorire la digitalizzazione di 20 distretti italiani offrendo tirocini formativi (6.000 euro per 6 mesi, per un totale di 120.000 euro messi a disposizione da Google) a giovani laureandi o neolaureati. Grazie all'accordo, 20 giovani avranno la possibilità di seguire un percorso formativo sugli strumenti e sulle opportunità offerte dall'economia digitale e aiutare le pmi a iniziare o a rafforzare il proprio percorso di digitalizzazione.

Il protocollo parte dal presupposto che il binomio export-Internet sia ormai una miscela ad altissimo potenziale.

Fare sistema e creare degli hub di condivisione della conoscenza e di valorizzazione del sistema produttivo potrebbe infatti consentire all'intero sistema economico di cogliere opportunità di crescita nel mercato interno e ancora di più su scala internazionale. Le aziende attive su Internet fatturano, assumono ed esportano di più e sono più produttive di quelle che su Internet non sono presenti. Le pmi attive in rete hanno infatti registrato una crescita media dell'1,2% dei ricavi negli ultimi tre anni, rispetto a un calo del 4,5% di quelle offline e un'incidenza di vendite all'estero del 15% rispetto al 4% delle offline.

Commenti