I guai al ginocchio fermano ancora Nadal. Incredibile Henin

Doveva essere l’anno delle rivincite, invece rischia di essere un nuovo calvario. La stagione di Rafael Nadal non comincia nel migliore dei modi: lo spagnolo è costretto infatti a fermarsi nuovamente per problemi a un ginocchio, gli stessi che lo hanno condizionato durante la scorsa tormentata stagione. A Melbourne la corsa del numero 2 del mondo, che contava di riconfermare la vittoria del 2009 per recuperare terreno su Roger Federer nella classifica mondiale, finisce ai quarti di finale. Lo spagnolo è costretto ad abbandonare al terzo set contro lo scozzese Andy Murray a causa di un dolore al ginocchio destro. Sarà quindi il britannico ad approdare alla semifinale degli Open, la prima per lui, in cui incontrerà il sorprendente croato Marin Cilic che ha eliminato Andy Roddick.
Nadal ha perso i primi due set per 6-3, 7-6 e stava perdendo il terzo per 3-0. Ma proprio a quel punto ha sentito il riacutizzarsi del dolore al ginocchio destro e dopo poco è stato costretto ad abbandonare il campo. «È un problema simile a quello che ho avuto l’anno scorso, sarebbe stato impossibile vincere il match. Non è mia abitudine abbandonare ma avevo dolore e non volevo rifare lo stesso errore dell’anno scorso. Non ho voluto passare il limite», ha commentato lo spagnolo rassegnato.
La sconfitta di Nadal, tra l’altro, è destinata a rivoluzionare le classifiche: lo spagnolo infatti perde la seconda posizione a favore di Djokovic. Ma potrebbe essere superato anche da Murray e scivolare in quarta posizione se lo scozzese dovesse battere Cilic in semifinale. Gli altri due semifinalisti, intanto, usciranno dagli scontri tra Federer e Davydenko da una parte, Djokovic e Tsonga dall’altra. Il serbo in caso di vittoria e ko di Federer nei quarti potrebbe addirittura diventare il nuovo numero 1 del mondo.
Tra le donne, invece, continua a sorprendere Justine Henin: la belga appena rientrata dopo quasi due anni di inattività, è già arrivata in semifinale. Così come la cinese Jie Zheng, in attesa degli incontri tra Serena Williams e Victoria Azarenka e tra Na Li e Venus Williams. Oltre all’impresa della Henin, che ha battuto la russa Petrova 7-6, 7-5 in un incontro molto combattuto e dopo circa due ore di gioco, spicca dunque la novità rappresentata dal tennis cinese: Jie Zheng ha battuto la russa Kirilenko 6-1, 6-3 ed è entrata nella storia come la prima tennista del suo Paese ad arrivare in semifinale in Australia, mentre Na Li dovrà contendersi il posto nell’altra semifinale con Venus Williams.
Una curiosità, infine, rimbalza dall’America e riguarda già gli Us Open di fine agosto a cui potrebbe partecipare anche Bode Miller. Il fuoriclasse dello sci americano, dopo le Olimpiadi di Vancouver, vorrebbe infatti dedicarsi a tempo pieno alla racchetta da tennis e punta ad ottenere una wild card dagli organizzatori in base ai regolamenti della federazione statunitense. Miller tra l’altro, ha già conquistato un titolo nel tennis: è stato campione statale del Maine.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.