I radicali invitano i vescovi in prigione

I radicali invitano i vescovi in prigione

Parlamentari nelle carceri a Ferragosto. Perché non anche i vescovi? La proposta viene dai radicali, che anche quest’anno organizzano per il 14, 15 e 16 agosto, le visite di deputati e senatori (150 le adesioni) in 175 istituti penitenziari italiani. Il partito di Pannella (nella foto) ha inviato una lettera a tutti i soggetti che, oltre ai politici, possono visitare le carceri senza autorizzazione, secondo l’articolo 67 dell’Ordinamento penitenziario. Tra questi, prefetti, questori, medici provinciali e, appunto, i vescovi. I radicali si sono rivolti al presidente della Cei, Angelo Bagnasco, affinché si faccia promotore dell’iniziativa. Contattati anche i vertici delle altre religioni, i cui ministri possono però visitare i carcerati soltanto con l’autorizzazione del direttore della prigione.

Commenti