Iata: nel 2005 persi 6 miliardi di dollari

Le compagnie aeree a livello mondiale nel 2005 perderanno 6 miliardi di dollari, nonostante il numero dei passeggeri sia in costante aumento: più 8,7% il trasporto passeggeri e più 4,7% il trasporto merci da gennaio ad aprile. Le indicazioni sono emerse nel corso dell'assemblea generale della Iata, che precedentemente indicava perdite per 5,5 miliardi. I margini, secondo il presidente Iata, Giovanni Bisignani, non sono accettabili per un'industria con 400 miliardi di dollari di fatturato. Bisignani ha detto che sono necessari cambiamenti e azioni urgenti, criticando la politica fiscale dei governi nei confronti delle compagnie aeree.
All'assemblea della Iata è emersa una situazione contrastata dell'industria aerea mondiale: nel 2004 le compagnie americane hanno perso 9 miliardi di dollari, ma quelle europee ne hanno guadagnati 1,4 e quelle asiatiche 2,6. A margine dell'assemblea, il presidente di Air-France, Jean-Cyril Spinetta, ha affermato che il trasporto aereo è in una situazione di eccesso di capacità e che vi saranno ulteriori consolidamenti nel settore: «Non so quando, non so tra quali partner, ma ne sono certo». L'eccesso di offerta a suo avviso è legato a un ingresso troppo facile nel settore.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.