"Insegno ad avviare start up. Il telefono in classe? Un obbligo"

Il docente dell'istituto Galilei Costa di Lecce è tra i finalisti del "Nobel" europeo per l'insegnamento innovativo

«Ragazzi forza, tirate fuori le idee. Qualcuno riderà. E allora? Vorrà dire che qualcun altro le apprezzerà». Daniele Manni, docente di informatica all'istituto Galilei Costa di Lecce, non è certo il tipo di professore che sta dietro la cattedra e chiama gli studenti alla lavagna. Lui insegna a sfoderare buone intuizioni e a farle diventare un'impresa vera e propria.

Si può dire che lei sia docente di start-up?

«Fino a poco tempo fa a scuola mi chiamavano il fuorilegge, perché insegnavo materie inesistenti, che si discostavano di gran lunga dal programma canonico. Da quest'anno il ministero all'Istruzione ha autorizzato l'istituto a un corso sperimentale di start up. E l'ora di imprenditorialità sarà ufficiale, non più un'ora inventata da me».

Di fatto cosa insegna?

«Ad avere idee e a farle diventare un progetto imprenditoriale, un prodotto da lanciare sul mercato, con un profitto vero».

E funziona?

«Un mio studente ha realizzato magliette con la scritta Salento loves me e ne ha vendute 2.500 in una sola estate. Un altro, Antonio Scarena, ha iniziato vendendo spazi web, una sorta di cassetti virtuali dove parcheggiare i propri video giochi, poi ha ampliato l'idea creando siti web. Tre anni fa abbiamo anche avviato una onlus».

Cioè insegna anche a fare impresa con sfondo sociale?

«Sì. Così è nata l'associazione Mabasta contro il bullismo che organizza iniziative e raccolte di fondi. Oppure ci sono gli Ecoisti che hanno realizzato etichette da allegare a ogni bidone della spazzatura per con la scritta Che ti costa?.

I ragazzi che dicono?

«Sono felicissimi, sono un vulcano di idee. Fino a qualche anno fa capitavano in classe con me per caso, ora si iscrivono all'istituto apposta per i miei corsi».

E i colleghi?

«All'inizio, come può immaginare, erano scettici e dalle altre scuole mi hanno fatto un po' di ostruzionismo. Poi hanno cambiato atteggiamento quando hanno visto che ero tra i finalisti del Global teacher prize e tra quelli di un altro premio internazionale dedicato all'innovazione e all'imprenditorialità».

Immagino l'abbiano candidata i suoi studenti. Già questa è una vittoria.

«Sì, tutta colpa loro. Non so ancora precisamente di chi ma ho ridotto la rosa dei papabili a tre nominativi».

Qual è il suo modello di insegnamento?

«Stimolare, condividere, creare un linguaggio comune. E non far percepire la scuola come qualcosa di immobile e fuori dal mondo. Non possiamo insegnare come si faceva trent'anni fa».

Come fa?

«Uso i loro strumenti. Durante la spiegazione lascio apposta delle falle e loro devono cercare le informazioni mancanti su Google».

Quindi non vieta i telefoni in classe?

«Al contrario. Per me sono obbligatori. Sono strumenti di insegnamento. Piuttosto, sto cercando di non far perdere l'abitudine a usare il computer. A casa non ce l'ha quasi più nessuno».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.