Altro che effetto Le Pen, ora frenano gli anti euro: Grillo arretra alle Europee

Il M5S perde il 2%. Salgono Lega e lista Tsipras. Piange Alfano: Ncd rischia di rimaner fuori

Altro che effetto Le Pen, ora frenano gli anti euro: Grillo arretra alle Europee

Chi spera nell'exploit di Marine Le Pen alle amministrative francesi per vincere le europee, deve ricredersi. Perché i sondaggi dicono tutt'altro. A poco meno di un mese dalle elezioni, un sondaggio di Euromedia registra la clamorosa frenata dei partiti anti-euro. Ma a tremare maggiormente è il Nuovo centrodestra di Angelino Alfano che non riesce a risalire dalla drammatica soglia del 4% che gli consentirebbe di accedere all'Europarlamento.

Dopo il sondaggio Emg per La7 diffuso lunedì scorso da Enrico Mentana, Euromedia ribadisce la tranvata per gli alfaniani. Nelle migliori delle ipotesi Ncd non andrà oltre il 3,5%. Sorride invece la Lega Nord di Matteo Salvini che, attestandosi al 4,4%, riuscirebbe ad arrivare agevolmente a Strasburgo. Stessa sorte per lista Tsipras che, però, ha ben altri problemi. Il movimento di estrema sinistra rischia infatti di non potersi candidare perché fatica a raccogliere le firme necessarie. Una pratica su cui si sta spendendo in primissima persona il presidente della Camera Laura Boldrini che ha invitato il parlamento a mettere mano alle regole sulle firme.

Il grosso delle preferenze se le spartiranno Forza Italia, Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Nella rilevazione Euromedia i grillini si attestano al 20,8%. Una settimana fa era dati al 23,1. Un vero e proprio tracollo di preferenze. Oltre due punti percentuali andati in fumo. Resta stabile, invece, il partito di Silvio Berlusconi che dovrebbe portare a casa il 22,2%. In leggera flessione anche il Pd: mentre Emg lo dava al 32,4%, Euromedia lo rivede al ribasso (31,5%). Se si guarda alle coalizioni, le differenze si assottigliano ulteriormente: il centrosinistra è dato al 35,8%, il centrodestra al 35,2%.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti