Antonio Ingroia ce l'ha fatta: Crocetta gli dà una poltrona

L'ex pm sarà commissario della società pubblica di informatizzazione della Regione siciliana, commissariata per una truffa da circa 200 milioni di euro

Antonio Ingroia ce l'ha fatta: Crocetta gli dà una poltrona

Alla fine ce l'ha fatta. Dopo le beghe con il Csm per non lasciare la magistratura e mantenere un ruolo politico, Antonio Ingroia ha lasciato la toga e immediatamente ottenuto una poltrona.

L'amico Rosario Crocetta è riuscito finalmente a piazzarlo come commissario di "Sicilia e-Servizi", società pubblica per l'informatizzazione che sarà commissariata "al più presto" perché "c'è una truffa di circa 200 milioni di euro". Il governatore della Regione siciliana - che già aveva provato a dare ad Ingroia l'incarico della società che gestisce le riscossioni - ha spiegato infatti che "alla Sicilia e-Servizi lavorano la figlia di Stefano Bontade, il capomafia, e alla Venture il genero". "È una società molto strana la Venture, fa parte del cartello di Sicilia e-Servizi ma prende tutti i suoi appalti", ha aggiunto Crocetta, "Per questo provvederemo immediatamente a commissariare la società, c’è una truffa di circa 200 milioni di euro. Soldi presi in violazione delle norme comunitarie che prevedono il principio della libera concorrenza".

Commenti