Appropriazione indebita: nei guai il segretario Ugl

Nel mirino dei pm l'uso dei fondi del sindacato. Indagata pure la moglie

Appropriazione indebita: nei guai il segretario Ugl

Bufera sull'Ugl. Le Fiamme gialle hanno perquisito gli uffici e le abitazioni private del segretario generale Giovanni Centrella e della coordinatrice della segreteria generale Laura De Rosa. Le perquisizioni sono state disposte dalla procura di Roma che sta indagando sull'appropriazione indebita dei fondi del sindacato. "Siamo a disposizione della magistratura ma è tutto assolutamente tracciabile - ha commentato Centrella - non abbiamo nulla da nascondere".

Circa cinquecentomila euro sottratti all’Ugl sarebbero finiti sui conti personali di Centrella e della moglie Patrizia Lepore. I due sono indagati, così come la De Rosa, per associazione adelinquere e appropriazione indebita aggravata. L’indagine è stata avviata dal procuratore aggiunto Nello Rossi e dal sostituto Stefano Pesci sulla base di una comunicazione del 2012 dello Uif (Unità di informazione finanziariadi Bankitalia) a sua volta attivata da banche che avevano inviato delle Sos (segnalazioni di operazioni sospette). Cinquecentomila mila euro che sarebbero stati sottratti alle casse del sindacato attraverso bonifici, prelievo di contanti e ricariche di carte. Operazioni che sarebbero state svolte dal 2010 ad oggi, ma le indagini non sono ancora concluse e il numerodi indagati e la somma complessiva che sarebbe stata sottratta potrebbero aumentare. Ciò anche sulla base dei documenti acquisiti nel corso delle perquisizioni che saranno ora esaminati.

Centrella è segretario generale dell’Ugl dal 29 maggio 2010. Una nomina arrivata in seguito alle dimissioni di Renata Polverini, che aveva lasciato il sindacato per candidarsi, poivincendo, alla presidenza della Regione Lazio.

Commenti