Ecco la denuncia che inchioda l'Olivetti

Un ex dipendente di De Benedetti, oggi malato: "Nella sede di Milano l'amianto era ovunque". Fascicolo in Procura

nostro inviato a Ivrea

L'appuntamento è per la prossima settimana. «Andrò con il mio avvocato, Ezio Bonanni, dai carabinieri e firmerò la denuncia». È passato quasi mezzo secolo, ma solo ora Mario Pagani, tecnico informatico in pensione, presenta il conto all'Olivetti. Può sembrare strano a tanti anni di distanza, ma Pagani, che da quando è in pensione trascorre ore a inseguire il mesotelioma sui internet, ha una risposta per tutto: «Il registro della malattia della regione Lazio certifica che dalla prima esposizione all'amianto all'insorgere del male passano in media 45 anni. Io sono stato assunto all'Olivetti nel 1962, il mesotelioma si è manifestato a gennaio 2007. Esattamente quarantacinque anni dopo».

Stiamo parlando dell'Olivetti degli anni Sessanta, la stagione precedente l'ingresso di De Benedetti, ma è chiaro che l'indagine dovrà scandagliare tutta la storia dell'industria fino agli anni Novanta e tutti gli stabilimenti. Compreso quello di Milano, nel mirino dei legali della vittima: «Rimasi a Ivrea poco, poi fui trasferito sotto la Madonnina, nella sede di via Nuvolone. E qui l'amianto era dappertutto: nei computer e nei capannoni. Io adesso esigo che la procura ci dica cosa è successo in via Nuvolone».
Dunque, dopo Ivrea ecco il capoluogo lombardo. L'inchiesta sull'amianto targato Olivetti accelera e, in prospettiva, raddoppia. Undici indagati, a cominciare da Carlo De Benedetti e Corrado Passera, almeno venti morti accertate e molte domande cui dare risposta: cosa sapevano i vertici aziendali del pericolo amianto? E che cosa fu fatto, se fu fatto, per fermare quel contagio silenzioso e letale?
«Realizzavamo computer, chiamiamoli così, giganteschi, da fantascienza in bianco e nero, come il mitico Gamma 3. Erano a valvole, occupavano spazi colossali, l'amianto era nei trasformatori. E poi un po' ovunque, nei capannoni. Ma all'epoca l'asbesto era una consuetudine: ricordo la pubblicità su una rivista in cui si inneggiava alle case con il tetto in eternit. E ricordo che dopo il '68 cambiai e andai a lavorare alla Mistral, una fabbrica di semiconduttori. Lì addirittura usavamo i guanti e i tappetini in amianto».

Un impiego dopo l'altro. Pagani è una trottola e cambia ufficio e azienda. L'Olivetti è solo un flash del passato. Nel 2006 va in pensione e di lì qualche mese i ricordi tornano ad affollare il presente presentando il conto: mesotelioma.
«Nella disgrazia sono stato fortunato perché il male è stato diagnosticato subito, con grande tempestività. Avevo un tumore alla prostata e quello paradossalmente mi ha salvato: fra una radiografia e l'altra sono saltate fuori quelle macchioline sospette, mi hanno visitato e poi operato d'urgenza. Mi hanno tolto un polmone, sono ancora vivo e so di essere un'eccezione perché di solito la fine arriva in fretta. Molto in fretta». Invece Pagani è ancora qui a combattere e ha già vinto una prima, importante battaglia: «Dopo l'operazione sono andato all'Inail a chiedere una rendita, ma mi hanno fatto storie. Allora ho fatto causa: pensi che a Latina in tribunale non hanno avvisato nemmeno il mio avvocato, Bonanni, e hanno respinto la mia richiesta. In Corte d'Appello invece Bonanni è riuscito a ribaltare il verdetto: mi hanno riconosciuto un'inabilità al 50 per cento a partire dal 2008. Ho preso gli arretrati e ora percepisco mensilmente qualcosa come 600-700 euro». La Corte d'Appello ha addirittura raso al suolo il precedente verdetto, dichiarandolo nullo perché il legale non era stato nemmeno chiamato in udienza. Ma questo, se si vuole, è un dato burocratico giudiziario che attiene alla via crucis di un pensionato malato senza santi in paradiso. Per Pagani l'elemento più importante è un altro: «La sentenza, che si basa sulla perizia di un professore, dice che l'esposizione all'amianto verosimilmente, questo è l'avverbio che usano, iniziò nel 1962, all'Olivetti. So che può sembrare archeologia giudiziaria, ma è la verità. Del resto la Regione Lazio sostiene che l'incubazione media è di 45 anni. E adesso che passo gran parte del mio tempo su internet so anche che il picco della mortalità in Italia arriverà fra qualche anno. L'asbesto presenterà il conto più pesante intorno al 2020, poi comincerà la discesa in corrispondenza con la leggi antiamianto degli anni Novanta».

È strano vivere sospesi fra un passato remoto e un futuro incerto, ma questo è il destino di Pagani. Che almeno, fra un impegno e l'altro, non ha il tempo per lasciarsi andare alla paura e la confina in un angolino: «Domani vado in ospedale per un controllo di routine. Che poi routine non è, perché io convivo con un nemico cattivo, spietato. Martedì invece sarò dai carabinieri: è ora di aprire il dossier Milano».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Dom, 10/11/2013 - 10:12

Tranquilli, la tessera numero uno del pd se la caverà come sempre, ne uscirà immacolato come una verginella. Insabbiamento, prescrizione, insufficienza di prove, insussistenza del fatto, le ricette.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Dom, 10/11/2013 - 10:19

Egr Direttore sono pronto a scommerttere i miei attributi anche se vecchi che De Benedetti non subira nessun provvedimento a suo carico. Tessera n°1 del PD,editore di Repubblica del PD controil centrodesta, la magistratura le ha dato oltre 500 milioni di Berlusconi con una sentenza scandalosa E VOLETE CHE OGGI LO INCHIODINO. SPERANZA PERDUTA

volp

Dom, 10/11/2013 - 10:24

Per un giornale che si è' schierato con la Thyssen fa piacere notare il cambio di rotta e le preoccupazioni per la salute di lavoratori a causa dell'amianto. Ma sorge un dubbio: non e' perché' riguarda De Benedetti? No? Furbacchioni....

il sorpasso

Dom, 10/11/2013 - 10:41

Finirà in una bolla di sapone come al solito per questo de maledettis, speriamo nell'amianto per lui.

lento

Dom, 10/11/2013 - 10:42

Gli ebrei sono immuni ::A ogni delitto.

morovalmontone

Dom, 10/11/2013 - 10:44

Quel vestito si addice con le sbarre Era Ora che lo inchiodassero alle sue responsabilita' VERGOGNA METTETELO IN UNA CELLA D'AMIANTO E BUTTATE LE CHIAVI

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 10/11/2013 - 10:47

De Benedetti??? è intoccabile, parola di Prodi: chi lo tocca tocca prodi e ciò è inammissibile! quindi basta: di evasori in italia ce ne uno solo e domani via lui spartirà anche l' evasione: tutti lo sanno, si tratta del Cavaliere: quindi ora basta con le ciance e benedetti siano quei giudici che con prove o senza prove lo condannano , benedetti siano coloro che con prove o senza prove lo citeranno per qualsiasi delitto o qualsiasi nefandezza: il mondo li premierà cosi come il mondo condannerà quei figli che dovessero osare chiedere la grazia per un uomo che tutti sanno innocente ma da condannare a tutti i costi perchè odiato.

xgerico

Dom, 10/11/2013 - 10:50

Boffo si o Boffo no?! O sarà perché gli ha tolto una barca di soldi???

a.zoin

Dom, 10/11/2013 - 10:53

De Benedetti, De benedetti, ti manca solamente la CAPPA-NERA e la FALCE,per il più bel ritratto di te stesso. Per la simbola cifra di una lira, hai svenduto multinazionali, ora ci si mette anche l`Amianto a Ivrea e lo scarico velenoso in quello di Savona. QUANDO TI TOGLIERANNO DALLE QUINTE I TUOI AMICI DEL "DC"??? Mettendoti in un isola deserta con tanti piragna tutt`intorno!!! (piragna), le anime della gente che hai rovinato.

Ritratto di MelPas

MelPas

Dom, 10/11/2013 - 10:53

I milioni di € che ha rubato a Berlusconi, grazie a certi magistrati, gli dovrà dare per risarcire le decine di morti e malati causati dall'amianto che svolazzava all'interno della Olivetti. Io credo ancora nelle leggi italiane e spero che non venga insabbiato questo caso. MelPas.

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Dom, 10/11/2013 - 11:06

xgerico: sei il più gran pirla del forum. Ti auguro un brutto giorno con la tosse asinina.

francesco de gaetano

Dom, 10/11/2013 - 11:07

Scommettiamo che Ballarò, Omnibus,Piazza Pulita, i vari Santoro,Travaglio,Crozza e Gabanelli di questa vicenda non parleranno MAI altrimenti farebbero un favore al Cavaliere.Questa è la Libertà di Stampa in Italia!

LAMBRO

Dom, 10/11/2013 - 11:07

A SCHIODARLO CI PENSERA' LA MAGISTRATURA ROSSA!!! LO SANTIFICHERANNO!!

SteveCanelli

Dom, 10/11/2013 - 11:14

non illudetevi, nessuna condanna per CDB, anzi magari un bel finazniamento pubblico a fondo perduto o un regalino di Stato ( stile Prodi o Ciampi) con le nostre tasse ( tanto lui versa in Svizzera ).

guerrinofe

Dom, 10/11/2013 - 11:16

..... E PASSERA' ANCORA MEZZO SECOLO PRIMA CHE SI ARRIVI A DEFINIRE LE RESPONSABILITA'!! I POTENTI HANNO A DISPOSIZIONE UN'ARMATA DI COMPETENTI AVVOCATI nessuno potra' mai fare giustizia.

viento2

Dom, 10/11/2013 - 11:26

e chi lo tocca è una specie protetta

xgerico

Dom, 10/11/2013 - 11:28

@a.zoin- piragna = Piranha???

Silvio e me ne vanto

Dom, 10/11/2013 - 11:35

Povero "tessera n.1 del pd". Cattivoni, ma lui che c'entra, mica lo metteva di persona l'amianto, diversamente dal Cavaliere che, lui sì che direttamente dava ordini di non pagare 3 milioni di tasse a fronte di 500 pagati. "Aho, maggistrati rossi, de vergogna, v'ho dato lo spunto pe archivià la pratica"!

paolonardi

Dom, 10/11/2013 - 11:40

Lo squalo svizzero, dopo aver distrutto insieme al suo compare Romiti tutte le aziende che ha diretto, senza mai pagar pegno, anzi guadagnandoci cifre iperboliche, uscirà indenne anche da questa, per lui, bagattella facendo la faccina (di bronzo) a verginella. Si potrebbe consigliare a Berlusconi di cambiare cognome magari dall'attuale a De Benesconi

paolonardi

Dom, 10/11/2013 - 11:45

C'è il sempre valido detto che prima di parlare o scrivere occorra assicurarsi che il cervello sia funzionante; vero volp e xgerico? Compito immane visto che sembrerebbe che non ve ne sia traccia.

diego_piego

Dom, 10/11/2013 - 11:51

Fino agli anni ottanta in Italia c'era amianto ovunque (scuole e ospedali compresi). Siamo sicuri che le sedi mediaset siano immuni? Non voglio difendere Debenedetti per l'amianto, ma il titolone mi pare un po' strumentale, perché casi come questi purtroppo ce ne sono migliaia, e tutti gli altri non si guadagnano il titolone in prima pagina. (Ad esempio i morti negli stabilimenti della Marcegaglia sono morti di serie B? non ho mai visto un titolone contro la Marcegaglia per le morti che ha causato)

Dany

Dom, 10/11/2013 - 11:56

Una precisazione x il Signor Lento e per tutti quelli che vivono di luoghi comuni. Il debenedetti tra le altre cose si è anche convertito ed è sposato in Chiesa .... magari svizzera.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Dom, 10/11/2013 - 11:57

L'eventuale processo no a Milano potrebbe andare in prescrizione facilmente, visto l'enorme lavoro della Procura.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 10/11/2013 - 12:04

sicuramente non andranno in galera chi andrà in galera sarà quello che ha rubato una mela.Lento hai ragione.

Triatec

Dom, 10/11/2013 - 12:10

xgerico # Boffo si o Boffo no?! O saranno le 21 morti sospette? Sbaglia il Giornale a dare la notizia che la magistratura apre un'inchiesta? La cosa andrebbe taciuta perché la tessera n°1 deve essere ritenuto moralmente superiore e quindi innocente a prescindere? BUFFO SI!!

Censore71

Dom, 10/11/2013 - 12:13

Certo che i bananas sono comici. Votato per un delinquente pregiudicato che ne ha combinato di tutti i colori per fare i suoi affari e lo considerano innocente anche se c'è una sentenza di terzo grado passata in giudicato. Il titolo dell'articolo è "la denuncia che "inchioda" Olivetti, presupponendo già la colpevolezza. Quindi, riassumiamo: un pregiudicato è per i bananas innocente mentre una indagine in corso indica colpevolezza. Bell'esempio di due pesi e due misure

Felice48

Dom, 10/11/2013 - 12:36

Si ma non crediate che si arrivi ad una condanna. Nemmeno per sogno. Volete mettere una responsabilità di morte, forse plurima, con un presunto, nemmeno provato, falso in bilancio? La morte di alcune persone sono sciocchezze e non possono avere uno strascico giudiziario specie per chi appartiene ad una certa area.

luigi civelli

Dom, 10/11/2013 - 12:44

Vedere realizzati i propri sogni è il desiderio di tutti; capisco che i fedeli di Silvio,tanto colpito negli affetti nell'affaire Metta-Mondadori,vogliano vedere C.DeBenedetti dietro le sbarre,ma debbono pazientare;l'Ingegnere è per il momento solo indagato e in ogni caso,con avvocati bravi,ad esempio, come Ghedini, l'eventuale processo potrebbe durare anche venti anni.

acam

Dom, 10/11/2013 - 13:27

qui non mi trovate d'accordo questo martufo é responsabile di altri ben piu gravi misfatti. nela 6o l'amianto lo vestivao anche i pompieri contro il fuoco, non si sapeva... il debenedtti che forse ha comprato la laurea da qualche poartem visto la fine che ha fatto fare all'azinda lider europea dell'allora informatica. la dissipazione di un knowhoe d'eccelleza per questo bisognerebbe mandarlo a un luogo di massima sicurezza. la cetrale di vado non é un simbolo del saper fare italiano per questo é pd

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 10/11/2013 - 13:42

La tessera N 1 del PD non corre certamente rischi visto che è persona intoccabile per le sorti della sinistra tanto cara ai media, c'è solo la speranza che nell'aldilà che prima o poi arriverà anche se si chiama De Benedetti, troverà chi gli presenterà il conto.

mar75

Dom, 10/11/2013 - 13:46

Ha lavorato prima per l'Olivetti e poi dal '68 per un'altra azienda :"Lì addirittura usavamo i guanti e i tappetini in amianto". Però la colpa e dell'Olivetti! Ora, vi faccio presente che i 45 anni medi sono solo un dato statistico, questo non significa che uno che si espone all'amianto si ammali esattamente dopo 45 anni. Poi, in quegli anni l'amianto non era illegale, non si conoscevano i suoi pericoli ed era normale trovarlo in vari posti, anche sui tetti delle case come pannelli di eternit, ce ne sono anche oggi. De Benedetti è arrivato in Olivetti nel '78, cosa c'entra con i fatti del '68?

federossa

Dom, 10/11/2013 - 15:03

A Latina i pm erano in busta paga di DeB??????

mar75

Dom, 10/11/2013 - 15:08

Versione corretta. Ha lavorato prima per l'Olivetti e poi dal '68 per un'altra azienda :"Lì addirittura usavamo i guanti e i tappetini in amianto". Perché la colpa è solo dell'Olivetti? Ora, vi faccio presente che i 45 anni medi sono solo un dato statistico, questo non significa che uno che si espone all'amianto si ammali esattamente dopo 45 anni. Poi, in quegli anni l'amianto non era illegale, non si conoscevano i suoi pericoli ed era normale trovarlo in vari posti, anche sui tetti delle case come pannelli di eternit, ce ne sono anche oggi. De Benedetti è arrivato in Olivetti nel '78, cosa c'entra con i fatti del '68?

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 10/11/2013 - 15:41

Scommettiamo che lui "poteva non sapere"?

niklaus

Dom, 10/11/2013 - 15:46

C'e' qualcosa che va detto in questa campagna contro l'amianto. Questo minerale e' presente in natura e dagli anni 50s e' stato impiegato in diverse forme dall'eternit alla lana isolante. I sospetti sulla sua tossicita' sono venuti alla luce negli anni 60s esaminando la sua tossicita' negli impianti dove l'amianto veniva elaborato in grandi quantita'. Il fatto fu attribuito agli aghi microscopici nelle sue polveri. Dove invece l'amianto era fissato in materiali solidi il rischio non esisteva. Quasi tutte le grandi costruzioni in America e Europa contengono ancora tonnellate di amianto, che viene pian piano sostituito con altri materiali senza pero' che esista un pericolo imminente. In Italia i guai peggiori li hanno procurati coloro che in fretta e furia hanno gettato nelle discariche materiali contenenti amianto, producendo fratture e quindi polveri tossiche. Il pericolo e' che con la smania di disfarsene si attivano i suoi pericoli (vedi per esempio in Campania).

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 10/11/2013 - 15:52

@XGERICO "CARISSIMO" Lei che è sempre così pronto a correggere e riprendere chi sbaglia, PIRAÑHAS !! Guardi che c'è uno che ha appena scritto la parola Spagnola BANANAS !! Come mai non lo ha ancora ripreso?? Saludos dall'IGNORANTONE

Antonio43

Dom, 10/11/2013 - 15:56

Censore71 per voi il"pregiudicato" era colpevole già molto prima della ridicola sentenza definitiva. Se ora il vostro beniamino, il porcello svizzero, è implicato nella faccenda dell'amianto o su quella della centrale a carbone di Savona, non vi dovete affannare a difenderlo a spada tratta, vedremo, intanto si fa con lui come voi avete fatto con Silvio. E poi informati sulla cabala napoletana cosa dice per il 71... meglio bananas !

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 10/11/2013 - 16:07

Intanto passeranno altri 20 anni poi tutto verra insabbiato come il caso MPS...che schifo!esprimo tutta la solidarietà ai poveretti che per guadagnare un pezzo di pane inconsapevolmente esposti all'amianto oggi sono gravemente malati!nel dubbio che non avranno mai un risarcimento e nella certezza che De Benedetti per i Pm amici non sapeva nulla dell'amianto...possiamo solo dire che Iddio ci aiuti ad estirpare questo cancro dall'Italia!

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 10/11/2013 - 16:09

Se la giustizia esiste deve essere indagato!ma guai se non lo fanno,sarà la prova certa che la giustizia italiana è comunista!qualcuno deve intervenire!

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 10/11/2013 - 16:15

"Diego piego" seeeee!!non ti ricordi cosa è successo al Dottor Sallusti quando aveva promesso un dossier su quella strega della Marcegaglia??!si è ritrovato svegliato dai carabinieri che gli hanno sequestrato tutto!guai a fare un dossier su quella delinquente!ma essendo comunista da ordini e la fa franca mentre i giusti pagano!ma un giorno tutto questo schifo cambierà e si tornerà ai fasti di una volta spero quando la giustizia funzionava davvero ;-)

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 10/11/2013 - 16:17

State a vedere come la tessera numero 1 del PD essendo comunista è immune a qualsiasi cosa!!guardate per credere!

lento

Dom, 10/11/2013 - 16:40

Gli ebrei questi conti non li pagano mai-

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 10/11/2013 - 17:09

"censore71" peccato che Berlusconi è stato giudicato da un collegio che odiava profondamente il Cavaliere...vedi Esposito per esempio...gli altri erano i sosia di Esposito stesso pensiero!ciò non toglie che il Cav. abbia commesso qualche illecito ma i vari risarcimenti abnormi a cui è stato condannato la dicono lunga sull'imparzialità del collegio giudicante!come se Mussolini avesse giudicato Stalin...sarebbe stato imparziale?!

Lino1234

Dom, 10/11/2013 - 17:15

#volp e xgerico, poverini non riescono nemmeno a comprendere le ragioni che inducono la gente per bene a pensare che la morte di venti vittime, uccise dall’amianto, in fabbriche di Debenedetti, inducano almeno il sospetto che il Debenedetti possa avere qualche responsabilità. No. Proprio non riescono a pensare ad un motivo diverso da quello del rapporto Debenedetti-Berlusconi. Da buoni trinariciuti plagiatii dal comunismo hanno la mente obnubilata che funziona a senso unico : il male è Berlusconi, stop. I cento e più milioni di morti nei gulag comunisti, i trentamila morti nel triangolo della morte vittime della resitenza partigiana comunista, a costoro non insegnano nulla. Definirli vermi le si fa un complimento. Saluti. Lino. W Silviio.

claudio faleri

Dom, 10/11/2013 - 17:40

de benedetti sarà premiato per aver inventato un metodo per la riduzione naturale del personale

claudio faleri

Dom, 10/11/2013 - 17:43

de benedetti ha eliminato la disoccupazione............muoiono prima

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Dom, 10/11/2013 - 18:41

cercasi magistrato compiacente........

marcello. marilli

Dom, 10/11/2013 - 20:20

purtroppo le persone sono morte e non si può fare niente. solo una cosa, questo delinquente protetto dalla magistratuta mi auguro venga condannato e debba pagare un conto salatissimo alle famiglie dei defunti, tanto con quello che ha rubato al B con l'accordo di esposito non gli manca certo il denaro . spero solo non gli basti e sia costretto a fallire. la cosas vergognosa è che i cittadini di ivrea lo sostengono e proteggono . mi viene da dire che forse gli sta anche bene (almeno un poco)

Ritratto di MACzonaMB

MACzonaMB

Dom, 10/11/2013 - 20:27

Mah siamo veramente disposti a illuderci che l'armata Franceskiello sia veramente intenzionata ad inquisire fino al punto da emettere una seria condanna? O piuttosto che non stia orchestrando l'ennesimo polverone per istradare i soliti noti sul binario preferenziale dell'impunità per poi, prendendo spunto da questa ostentazione di imparzialità, ricadere nel più gettonato e maniaco mondo della sindrome da Berlusconi-fobia acquisita?

mariolino50

Dom, 10/11/2013 - 20:32

L'amianto è ancora quasi ovunque, ed è anche difficilmente riconoscibile, era ed è il miglior isolante contro il calore, specialmente ad alta temperatura, è stata sostituito con fibre ceramiche molto inferiori come caratteristiche, già circolano voci che facciano male anche quelle. Io ho usato in passato guanti di amianto per maneggiare materiali assai caldi, speriamo in bene. Se è colpevole lo svizzero lo è anche tutta la classe dirigente industriale dagli anni 60 in poi, credete che qualcuno vada il galera, illusi.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 10/11/2013 - 21:29

Ma tanto a De Benedetti che gli frega? Ha la tessera N.1 del Pd che gli garantisce l'immunità giudiziaria.

claudio faleri

Dom, 10/11/2013 - 22:36

de benedetti ha risolto i problemi della disoccupazione.....muoiono prima, grazie alla sua miseridordia

claudio faleri

Dom, 10/11/2013 - 22:40

ma certo che i vertici dell'azienda sapevano ma è tutto calcolato...diamo da mangiare a tor persone se ne muoiono tot in un numero x di anni abbiamo comunque assolto al nostro compito, sfamare il gregge voluto dalla sinistra che odia chi riesce ad essere indipendente

battintesta

Dom, 10/11/2013 - 23:24

Beh che c'entra Tessera n.1 POTEVA non sapere !

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 11/11/2013 - 01:41

Ovviamente questo SQUALO CAPITALISTA potrà contare sulla piaggeria della combriccola di toghe rosse al suo servizio. Per lui sfodereranno la formula riservata esclusivamente ai loro sodali. "IL GRANDE SQUALO CAPITALISTA POTEVA NON SAPERE". Solo a BERLUSCONI non è concesso di non sapere, perché DEVE SAPERE anche di cose che non gli competono. QUESTA E' LA MAGISTRATURA ROSSA ITALIANA.

marcellopedretti

Lun, 11/11/2013 - 02:45

in galera lui e le toche coi calzini turchesi che lo proteggono. Sull'amianto ha delle responsabilità enormi.