Federica Guidi: "Nessun conflitto di interessi, ma i grillini mi hanno già attaccata"

Il neo ministro dello Sviluppo Economico: "Berlusconi mi ha chiamata per farmi gli auguri, come molti altri. Matteo Renzi? Un modello, sa sdrammatizzare"

Il ministro Guidi (al centro) durante la fiducia di lunedì al Senato

Federica Guidi proprio non ce la fa, e prima ancora di ricevere la prima domanda sbotta: "Il governo ha appena ottenuto la fiducia e contro di me sta arrivando la prima mozione di sfiducia individuale presentata dai Cinque Stelle." Intervistata da Roberto Mania per La Repubblica, il neo ministro per lo Sviluppo Economico si difende a testa bassa dagli attacchi che le sono piovuti addosso sin dalle ore del giuramento di sabato scorso.

Parla "di pancia", come lei stessa dichiara di voler fare: parla, ovviamente, delle accuse di conflitto di interessi legate alle commesse che l'azienda della sua famiglia, la Ducati Energie, ha con diverse aziende pubbliche. "Io non sono mai stata azionista e fino a sabato scorso ero un dirigente con uno stipendio di 4.300 euro al mese." Rassicura i sospettosi ricordando che Ducati Energia ha come clienti anche molti privati, e che comunque il mercato italiano rappresenta meno del 14% del fatturato totale di un'azienda che opera in tutto il mondo; "E poi" - prosegue il ministro - "Mi sono dimessa da tutti gli incarichi." Allo stesso modo smentisce le voci secondo cui il sottosegretario Delrio avrebbe annunciato di voler "vigilare" sulle decisioni in odore di conflitto di interessi, e assicura che Renzi si è limitato a dirle di lavorare e di stare tranquilla.

Altro punto delicato è quello della delocalizzazione: da più parti ci si è domandati come possa un ministro la cui azienda di famiglia ha "molto delocalizzato", nelle parole di Mania, chiedere agli imprenditori di continuare ad investire in Italia. La Guidi non perde il suo aplomb, e precisa che piuttosto che di delocalizzazione, preferisce parlare di "multilocalizzazione": "Ducati ha 800 dipendenti di cui 250 in Italia. Se non avessimo accettato la sfida della globalizzazione avremmo rischiato di morire."

Inevitabile il passaggio sui rumors che la vorrebbero vicina a Silvio Berlusconi, che la Guidi conferma di aver incontrato diverse volte quando era presidente dei Giovani di Confindustria, ma mai ad Arcore e sempre nel quadro della massima formalità ("Ci diamo del lei"). Al momento della nomina, aggiunge, il Cavaliere l'ha chiamata - "come tanti altri" - per farle gli auguri.

Si rifiuta di rivelare per chi ha votato alle ultime elezioni politiche, afferma di non aver partecipato alle primarie del Pd, ma aggiunge di aver ricevuto una proposta di candidatura, ovviamente declinata, da parte di Angelino Alfano.
Chiusura su Matteo Renzi, definito "un modello" per la capacità di semplificare, di sdrammatizzare: "Un politico diverso da quelli che ho incontrato sinora."

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

pino48

Mer, 26/02/2014 - 11:29

Sono certo che la ministro Guidi metterà al servizio del Paese, al di là dall'appartenenza politica o meno, lo stesso impegno riservato al buon andamento delle proprie imprese. Il partito di "Repubblica" e quindi di Cdb smetta di tirare per la giacca per fare i propri sporchi interessi. Se le aziende dell'Ing. vanno male, trattandosi di imprese "private", i soci provvedano con i propri soldini a ricapitalizzarle piuttosto che pretendere di affibbiare i debiti alle banche. Vedasi, non ultimo, il caso Surgenia!!!!

gian paolo cardelli

Mer, 26/02/2014 - 11:57

Le solite cose all'italiana "di sinistra": chiosano sul "conflitto di interessi" in assenza di legislazione ed in presenza di incapacità (e malafede) nel produrla...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 26/02/2014 - 12:51

I parassiti del napolitanismo costituiscono l'orda di schiavi che odia e ricatta gli uomini liberi e le donne libere... ancorché democratiche.

yulbrynner

Mer, 26/02/2014 - 13:16

vedrermo come lavorera' e cosa proporra' .. inutile dare giudizi ora.

Ritratto di sailor61

sailor61

Mer, 26/02/2014 - 14:09

invece il capo di ben due leghe di cooperative al lavoro.... non è un conflitto di interessi, nooo!!! immaginate se Berlusconi avesse messo Confalonieri a fare il ministro, cosa sarebbe successo? avremmo avuto scioperi, denunce, magistrati che per atto dovuto avrebbero fatto a pezzi tutti e due. Lo fanno i compagni, nonmi sembra che nessuno si sia degnato di un cenno!!! non cambieranno mai!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 26/02/2014 - 15:29

Se Federica Guidi è in "conflitto" di interesse per ricoprire l'incarico di Ministro dello Sviluppo Economico, Giuliano Poletti "comunista doc e Mammasantissima delle Coop", a cui è stato affidato il Ministero del Lavoro senza aver mai lavorato in vita sua, rappresenta una "guerra nucleare" di interessi. Semplicemente stomachevole!

r_g

Mer, 26/02/2014 - 20:21

NON E' AZIONISTA ,PERO'L'AZIENDA APPARTIENE ALLA SUA FAMIGLIA.

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Gio, 27/02/2014 - 07:04

Ma quando si parla di conflitti di interesse ci si interroga anche su alcune questioncelle? MPS, Unipol, Coop, Ilva, etc....etc.... Ci si ricorda degli interessi diretti ed indiretti che la sinistra ha nel mondo dell'economia e della finanza?