Ilva, l'autodifesa di Vendola più imbarazzante delle risate

La giustificazione choc del governatore che sghignazzava al telefono: ho preso in giro quel giornalista perché volevo ingraziarmi i Riva

Quando la toppa è peggio del buco. Più Nichi Vendola fa l'indignato e si sforza di dare una nobile aura istituzionale alle risate al telefono con l'ex pr della famiglia Riva Girolamo Archinà, al centro di una bufera dopo che il sito del Fatto Quotidiano ha pubblicato l'audio dell'intercettazione, più s'incarta, peggiorando la situazione. E così ieri, pur scusandosi col giornalista da lui deriso (e chiamato «faccia di provocatore»), il leader Sel l'ha sparata grossa: quelle risate, quel tono confidenziale con Archinà che ha fatto imbestialire i militanti di sinistra più ancora delle risate sul cronista che chiedeva conto dei morti di tumore zittito da Archinà strappandogli il microfono, altro non erano che una captatio benevolentiae per ingraziarsi i Riva e cercare di salvare i posti di lavoro dell'Ilva, conciliando tutela ambientale e occupazione. Et voilà, la capriola è servita. Nichi, il fustigatore; Nichi, l'affabulatore che affascina le folle con le sue narrazioni sì, magari incomprensibili, ma che suonano tanto tanto bene; Nichi, quello che predica la politica nuova, in privato è un politico uguale agli altri. Anzi peggio, per i suoi fan, che su Facebook lo hanno tempestato di insulti invitandolo a fare un passo indietro. Nella telefonata intercettata finita sul sito del Fatto, tra una risata e l'altra, in effetti un indizio c'era: «Dica a Riva che il presidente non si è defilato», diceva Vendola dopo aver confessato di aver riso «per un quarto d'ora» per il video di Archinà che strappava il microfono al cronista di Taranto Blustar Tv. E infatti, dal web, Vendola si era già attirato un vespaio. Ieri, a mo' di scusante, la giustificazione choc del governatore, più imbarazzante delle stesse risate: «La confidenza nelle telefonate con il mio interlocutore, che era il responsabile delle relazioni istituzionali dell'Ilva, l'ambasciatore della proprietà, era normale perché era una confidenza legata a raggiungere degli obiettivi. Per me difendere i posti di lavoro non è una cosa di cui debba vergognarmi. Sono orgoglioso di aver difeso ogni giorno ogni singolo posto di lavoro». Vendola ha parlato espressamente di captatio benevolentiae nei confronti del suo interlocutore» (Archinà, ndr), spiegando che deridere il giornalista era «strumentale» a ingraziarsi il suo interlocutore e il patròn dell'Ilva. Il governatore, comunque, ieri ha chiesto scusa, con un sms e una telefonata, al giornalista preso in giro, Luigi Abbate. «Mi ha detto che era in un momento di stanchezza – ha raccontato il cronista – appena tornato dalla Cina e gli è venuto da ridere vedendo che Archinà mi strappava il microfono. Però si parlava di un argomento serio, non c'era nulla da ridere». Nonostante le capriole di Vendola e l'inusitato buonismo di chi, come la leader della Cgil Susanna Camusso, liquida la questione con un secco «il gossip sulle intercettazioni non si può fare», il caso non è chiuso. Domani si riuniranno i presidenti dei gruppi consiliari per fissare la data di una convocazione urgente del Consiglio regionale della Puglia. All'odg, l'intercettazione del governatore.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

tiro

Dom, 17/11/2013 - 08:41

Ecco perché la Merkel e altri potenti dell'Europa e resto del Mondo tifano la definitiva uscita di scena di un grande UOMO come Berlusconi. L'obiettivo di questi astuti interlocutori della politica estera, da sempre, era di pilotare le sorti dell'Italia servendosi di politici, pardon, surrogati del genere politico, come il governatore, gravidi di codardia, impotenza, effeminati e magari audaci nel fuggire alla prima “mossa” come conigli spauriti. Purtroppo questo è il prodotto della politica italiana antiberlusconiana. Questi mascalzoni, quando commettono grosse empietà, andando in antitesi a quello che sanno predicare e recitare in lingua assiro-babilonese, ricorrono senza mezzi termini alla giustizia sponsorizzata dalla Magistratura Democratica, composta da “amici degli amici”, ovvero “compagni dei compagni”, per farsi scagionare e quindi farsi “riemologare” nella scena politica come se non fosse successo nulla. E come se non bastasse, ora, questi eunuchi della politica, se la ridono pure con gli autori del degrado ambientale di Taranto e sulle morti di quei poveri lavoratori, da sempre condannati ad un epilogo truce, causato da una indecente gestione imprenditoriale, con la complicità proprio di quella politica di sinistra che non ha esitato negli anni, spudoratamente, a millantare tutela e garanzie ai lavoratori e cittadini nel rispetto della qualità ambientale del territorio. Comunque vada anche questa volta l’inchiesta avrà lo stesso epilogo “ideologico” di quella “sua precedente” e di tante altre che hanno avuto come indagati principali coloro che appartengono alla “sacra cricca della sinistra” ipocrita ecologica comunista, fedele agli editti di magistratura democratica. Che bella Italia!!!

giuseppe1951

Dom, 17/11/2013 - 08:45

Caro Vendola, è arrivata anche la tua fine politica, ai finito di parlar male di Berlusconi, auguri per il tuo futuro!

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Dom, 17/11/2013 - 09:14

dovrebbe dimettersi ,ma non lo farà,per i comunisti certe cose valgono solo per gli altri. niky...........ma non volevi querelare? adesso ti scusi? che personaggio penoso

paci.augusto

Dom, 17/11/2013 - 09:17

Ci vuole proprio la brutta faccia tosta di questo squallido figuro per cercare di giustificare un'inqualificabile ilarità, con stomachevole servilismo, verso un gestaccio prepotente e teppistico di questo Archinà, verso un cronista che faceva LEGITTIME domande sulle conseguenze dell'inquinamento provocato dall'Ilva a Taranto!! E meno male che questo sommo ipocrita si atteggia anche a tutore dell'ecologia e della salute ambientale!! SI DIMETTA, CIALTRONE!!!!

paci.augusto

Dom, 17/11/2013 - 09:24

Incredibile e disgustoso è l'atteggiamento di solidarietà espresso dai ' compagni di merende ' della sinistra!! In particolare di un altro personaggio ' più bella che intelligente ', commissario politico della CGIL! Immaginatevi cosa si sarebbe scatenato se un comportamento simile l'avesse avuto Berlusconi!!!

jakc67

Dom, 17/11/2013 - 09:38

sopratutto se incapaci come solo i nostri sinistri...

Dany

Dom, 17/11/2013 - 09:39

Tranquilli! Ai sinistri non capiterà mai nulla. Ci sono sempre i loro burattinai che li proteggono e poi qualsiasi nefandezza commettano avranno sempre i voti dei trinaricciuti .

gioch

Dom, 17/11/2013 - 09:42

Mahhh! L'ex Prefetto Ferrante,Presidente ILVA e poi commissario ILVA,messo lì da Prodi(come risarcimento per la trombatura milanese)non ha nessuna responsabilità?Non ne sapeva nulla?O non si può toccare un compagno che si è sacrificato per il bene del popolo?

SteveCanelli

Dom, 17/11/2013 - 09:54

Pagliaccio schifoso e senza un minimo di onesta, di nessun tipo.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 17/11/2013 - 10:14

Questi sono i politici italiani che piacciono a Bruxelles.

guidode.zolt

Dom, 17/11/2013 - 10:17

C'è un giudice a Taranto, ma lo guarda facendogli l'occhiolino...

Gianca59

Dom, 17/11/2013 - 10:18

Un poveraccio che come tutti i politici ha bisogno delle lobby e dei potenti di turno davanti ai quali striscia come un vermiciattolo.

Charles buk

Dom, 17/11/2013 - 10:26

Accozzaglia di disgraziati

Ritratto di Manieri

Manieri

Dom, 17/11/2013 - 10:27

Che cosa credete, che Bertinotti quando cenava con i suoi amici nababbi radical-chic a casa delle contesse non ridesse di gusto alle spalle del popolino che lo votava?

tonipier

Dom, 17/11/2013 - 10:32

" INCONCLUDENTI" ( VIAGGIANO A SPESE DEI GRANDI LAVORATORI:::) Si tratta di categoria sociale costituente ostacolo insormontabile a qualsiasi possibilità di transizione da una società di tipo capitalistico o borghese ad una società di tipo collettivistico o comunista soprattuto per la sua proclività ad agire per istinto piuttosto che per ragionamento, ad esprimersi soltanto come elemento di perturbamento dell'ordine societario, di regresso della comunità sociale verso forme e condizioni di vita dalle quali l'umanità è uscita per accedere alla civiltà.

slim313

Dom, 17/11/2013 - 10:44

non cambia nulla già è pronto il nuovo pupazzo landini

marvit

Dom, 17/11/2013 - 10:48

Ma prendetevela con chi li vota questi "originali" personaggi da avanspettacolo

Ritratto di Mariador

Mariador

Dom, 17/11/2013 - 11:39

Ecco il perfetto emblema del comunismo: una palla colossale per giustificare la propria smania di potere, una forma moderna di religione. Ma quale tutela dei cittadini, ma quale giustizia, tutto è improntato alla tutela del potere costituito. Ogni tanto gli equilibri si invertono e sembra cambiare qualche cosa ma tutto rimane nell'alveo di un sistema antico quanto il mondo. "mors tua vita mea", questo l'imperativo categorico, tutto il resto sono palle. Quanti crimini in nome del comunismo e della religione.

sale.nero

Dom, 17/11/2013 - 12:15

Che giudichi meno e che si guardi allo specchio.

sale.nero

Dom, 17/11/2013 - 12:22

Fosse successo a Berlusconi ci sarebbe già un fascicolo aperto e il Parlamento avrebbe chiesto una Relazione e le dimissioni. Un atto di partigianeria di più da aggiungere all'elenco dei favoritismi che contraddistinguono i capisaldi della sinistra.

stefano.colussi

Dom, 17/11/2013 - 12:32

Giuro che non capisco perchè Flavio Briatore se la prenda con Baffino (dicendo che non ha mai lavorato)...Perchè scusa Flavio...ma Sventola o Bassolino o Re Giorgio quando hanno mai lavorato ???? Colussi (Fronte per l'Indipendenza) e per la costruzione degli "Stati Uniti d'Europa"

Azzurro Azzurro

Dom, 17/11/2013 - 14:33

bidone komunista