Politica

L'ultima trovata di Facebook: mappare le amicizie tra Paesi

A Facebook manca la fisicità. Una buona percentuale degli oltre mezzo miliardo di «amici» virtuali si stanno defilando, l'abbraccio comincia a fare più acqua che tendenza. Il gran fugone dei predatori della privacy perduta - merce da mercatino vintage - è dietro l'angolo. E allora Facebook corre ai ripari con la mappa delle connessioni, il vademecum sulle (presunte) amicizie mondiali. Il risultato è interessante, oltre che esteticamente attraente. Secondo il social network, la Mapping the World's Friendships potrebbe essere un affidabile indicatore dei legami dovuti ai flussi migratori.
Nel social-mappamondo ci sono tutti, anche se Africa e nord Asia sono praticamente scoperte. Ogni nazione è contrassegnata da una sfera colorata. Cliccandoci dentro si scopre quali sono i cinque principali collegamenti d'amicizia con altre parti del mondo. Più il legame è importante più è grande la sfera. Saltano subito all'occhio il forte legame tra il Brasile e il Giappone (solo calciomercato?) e tra Polonia e Islanda. Poi c'è il pallino gigante negli Stati Uniti (che ha più connessioni con il Messico e la Repubblica Domenicana), seguito da quello canadese o australiano.
Veniamo all'Italia. Al primo posto per interazioni c'è, ovviamente, l'amico/parente romeno (d'altronde la Romania ha oltre due milioni e mezzo di immigrati, compresi quelli senza permesso di soggiorno), seguito da quello spagnolo, albanese, svizzero e francese. L'amico ci piace latino. All'interno della mappa interattiva il riquadro A closer look offre, inoltre, ulteriori indicazioni per fare luce sui motivi storici dei collegamenti social più strani del mondo.

La mappa messa a punto da Facebook, responsabile del nuovo, ossessionante tipo di relazioni globali, arriva a pochi mesi di distanza da uno studio elaborato da un italiano che lavora al Max Planck Institute for Demographic Research di Rostock, basato su un sistema innovativo che utilizza le e-mail invece dei registri ufficiali per monitorare i flussi migratori.

Commenti