Lungaggini, tasse e troppe leggi: la vera impresa è fare impresa

Per diventare imprenditori in Italia servono almeno 6 procedure. E i costi amministrativi toccano i 31 miliardi: 7mila euro a testa

Lungaggini, tasse e troppe leggi: la vera impresa è fare impresa

Una tassa occulta ma soprattutto la più penalizzante. È quella che le imprese italiane pagano alla burocrazia. I costi amministrativi rappresentano la vera e propria palla al piede del sistema imprenditoriale: 31 miliardi (oltre 7mila euro in media per azienda), 2% di Pil e soprattutto un mare di tempo perso per adempiere a oneri che non hanno più nessun legame con la modernità.

La sensazione, a leggere i dati elaborati da Confartigianato, è che la classe dei burocrati giustifichi la propria esistenza con questo tipo di vessazioni e che la politica legittimi l'andazzo con una produzione a getto continuo di leggi. Non si spiegherebbe altrimenti come dal 2008 al 2013 siano state emanate 491 norme fiscali delle quali 288 hanno comportato una complicazione delle procedure.

Se queste sono le premesse, non stupisce che il nostro Paese sia sempre nelle retrovie quando la Banca Mondiale compila il rapporto Doing Business. L'Italia si trova dietro tutte le principali economie avanzate e nel capitolo «Aprire un'impresa» scende addirittura al 90simo posto, cioè allo stesso livello dei paesi del Terzo Mondo. Basta solo raccontare l'Odissea alla quale si è soggetti per avviare un'attività per capire che non si tratta del solito sentimento anti-italiano che generalmente prende il sopravvento negli organismi internazionali. Nelle 13 città analizzate, l'avvio di un'impresa richiede, in media, 6 procedure, 9 giorni e costa il 14,5% del reddito pro capite. A Milano, Padova o Roma, un imprenditore può completare le procedure necessarie per avviare un'attività d'impresa in appena 6 giorni, come in Danimarca o negli Stati Uniti. All'Aquila e Napoli, far partire il business richiede rispettivamente 13 e 16 giorni.

Sempre meglio che in Spagna, ma, a conti fatti, non è una passeggiata. Prima di tutto bisogna versare il 25% del capitale sociale in un apposito conto corrente, poi andare dal notaio per farsi redigere statuto e atto costitutivo, infine acquistare i libri contabili e sociali (vidimati anch'essi dal notaio), registrare impresa e dipendenti presso le pubbliche amministrazioni (Registro delle Imprese, Agenzia delle Entrate, Inps e Inail). Contestualmente, viene presentata una segnalazione di inizio attività (la Scia) allo Sportello Unico del Comune. Seguiranno gli accertamenti dell'ispettorato del lavoro e della Asl su applicazioni delle norme di sicurezza, requisiti di igiene, eccetera eccetera. Fino a pochi anni fa per aprire un coiffeur occorrevano 23 autorizzazioni e per una gelateria solo 14. Oggi si veleggia verso la decina.

Finita qui? Neanche per sogno! Se serve un'insegna, bisogna chiedere permesso al Comune, ma se la strada è provinciale, occorre passare prima dalla Provincia e poi farsi accettare la pratica dal Comune. Attenzione alle leggi regionali: nell'hinterland torinese un imprenditore non ha potuto aprire una birreria in franchising perché il Piemonte prevede ancora il ricorso alla vecchia procedura che richiede fino a 90 giorni!

Se poi si vuole costruire, è meglio accendere un cero alla Madonna per chiederle la grazia della celerità. A Milano occorrono quasi sei mesi, a Palermo si impiega quasi un anno. In Italia (100sima classificata su 185 Paesi esaminati) sono necessari in media 13 procedure e 231 giorni, per un costo pari al 253,6% del reddito pro capite. Lungaggini che si possono comprendere se si confrontano con i tempi necessari per l'allacciamento alla rete elettrica di un'utenza business: la media italiana è di 124 giorni, quattro mesi e ben 5 procedure (inclusa ispezione tecnica e approvazione dell'impianto). In Germania si impiegano solo 17 giorni e in Giappone non si paga nulla. Forse un motivo c'è se l'Italia è messa male.

E soprattutto c'è un motivo se nei sondaggi effettuati dalla Banca Mondiale emerge che il 30% degli intervistati nei Paesi con la regolamentazione più complicata - sotto sotto - si aspetta di dover pagare una tangente per oliare le ruote del carro. D'altronde, in nessun altro posto del mondo industrializzato occorrono 172 giorni lavorativi per pagare tasse che scarnificano il 68% dei redditi di impresa. Insomma, è tutto una fatica: aprire una gelateria è un terno al lotto, un pizzaiolo che eccezionalmente serve ai tavoli rischia una supermulta e se miracolosamente si arriva alla fine del percorso a ostacoli, arriva l'Agenzia delle Entrate e si porta via più della metà di quello che si è guadagnato.

Ieri il presidente dei giovani di Confindustria, Marco Gay, ha proposto di espellere da viale dell'Astronomia le aziende che delocalizzano per abbassare il costo del lavoro (i contributi costano il 43% del reddito d'impresa). Forse bisognerebbe pensare a quelli che coraggiosamente resistono in patria.