Il ministro alle Finanze: «Daremo all’Italia i nomi dei finti residenti»

RomaSan Marino è pronta a uscire dalla lista grigia dei paradisi fiscali stilata dall’Ocse. E per gli italiani che hanno la residenza nella repubblica del Titano solo per motivi fiscali sono in arrivo tempi duri. Ad assicurarlo è Gabriele Gatti, segretario alle Finanze della Repubblica che oggi dovrebbe incontrare il ministro dell’Economia Giulio Tremonti al Meeting di Rimini, insieme al segretario agli Esteri Antonella Mularoni.
Vi vedrete come era stato anticipato?
«Al Meeting ci dovrebbe essere un incontro informale, in attesa di quello ufficiale in settembre. Dobbiamo definire dei dettagli, ad esempio sulla doppia imposizione».
Nessun intoppo?
«San Marino ha dato piena disponibilità a rispettare il piano dell’Ocse, in particolare per quanto riguarda lotta al riciclaggio e scambio di informazioni sugli italiani che hanno la residenza qui. Siamo nell’occhio del ciclone ed è nostro interesse recuperare l’immagine».
Collaborerete con il fisco per scovare i finti residenti?
«Certo, ma sono pochi. Abbiamo iniziato a fare dei controlli, ad esempio tenendo d’occhio le utenze. Se non consumano energia difficile siano residenti».
L’accordo può danneggiarvi?
«Non si può continuare a puntare sul segreto bancario. La nostra finanza deve puntare sulla qualità dei prodotti e sulla trasparenza».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento