Paolo Bernini, grillino vegano e complottista: "Chip sotto la pelle"

Il neoparlamentare Paolo Bernini: "Non so se lo sapete, ma in America hanno già iniziato a mettere i microchip all'interno del coropo umano..."

Paolo Bernini, grillino vegano e complottista: "Chip sotto la pelle"

Si è iscritto al Movimento 5 Stelle per cambiare il Paese piuttosto che cambiare paese. Rifiuta, come da codice di comportamento, l'accezione di onorevole. Dieci anni di karate, un passato da vegetariano, un presente da vegano "perché il nostro stile di vita ha un impatto veramente devastante sulla terra, soprattutto nei paesi sottosviluppati" e "perché secondo uno studio l'acqua utilizzata per creare cinque chili di carne equivale al consumo media di una famiglia media, cioè 300mila litri d'acqua".

Ma soprattutto, Paolo Bernini, 26 anni, nato a Cento (Fe), laureato in Tecnologia della comunicazione e neo parlamentare del M5S, è un amante del complottismo. Lo ha dimostrato ieri a Ballarò quando, criticando la disinformazione generalizzata dei media e citando il documentario Zeitgest (film sulle teorie del complotto), ha avvertito: "Non so se lo sapete, ma in America hanno già iniziato a mettere i microchip all'interno del corpo umano, per registrare, per mettere i soldi, e quindi è un controllo di tutta la popolazione. Quelle persone che se lo fanno iniettare non sanno a cosa vanno incontro. Con Internet, visto che molte coscienze si stanno svegliando, queste verità stanno venendo fuori, e infatti noi del Movimento 5 Stelle usiamo molto Internet, siamo coscienti di questa cosa”.

In base alle ultime variazioni di quella che è una notizia priva di fondamento e di riscontri, i microchip sarebbero persino previsti nella riforma sanitaria di Barack Obama. All'insaputa del presidente americano e dello stesso testo di riforma, in cui non c'è traccia di quanto affermato da Bernini.

Commenti