Portaborse denuncia alle Iene: "Senatori pagati dalle lobby"

Nelle scorse legislature un gruppo di senatori sarebbe stato pagato per modificare disegni di legge in discussione. Grasso: "Subito una legge che regoli le lobby"

"Senatori e onorevoli a libro paga di alcune multinazionali, le cosiddette lobbies". A denunciarlo è un assistente parlamentare di Palazzo Madama, intervistato dalle Iene e andato in onda nella puntata di ieri sera. "Chi sa qualcosa farebbe bene a denunciare questi comportamenti gravissimi", ha commentato il presidente del Senato Pietro Grasso promettendo di adoperarsi per "fornire agli inquirenti nel più breve tempo tutte le informazioni che riterranno utili alle indagini".

"Ci sono le multinazionali - racconta l'assistente che ha chiesto alla redazione di rimanere anonimo - che ogni mese per mezzo di un loro rappresentante fanno il giro dei palazzi, sia al Senato che Camera: incontrano noi assistenti e ci consegnano dei soldi da dare ai rispettivi senatori e onorevoli". Secondo la fonte anonima, l'obiettivo sarebbe è far sì che, "quando ci sono degli emendamenti da votare, i senatori e gli onorevoli li votino a favore della categoria che paga". Operazioni che prevedono una sorta di tariffario: "Per quel che mi riguarda, conosco due multinazionali, una del settore dei tabacchi e un’altra nel settore dei video giochi e delle slot machine - racconta sempre la medesima fonte - ed entrambe elargiscono una 1.000 euro e un’altra 2.000 euro ogni mese". La tariffa cambierebbe a seconda dell’importanza del senatore. Nel caso in cui sia molto influente, la cifra potrebbe quindi lievitare fino a 5mila euro. Per quanto riguarda poi le sale Bingo, l'assistente parlamentare di Palazzo Madama ha denunciato che si sarebbero formati due gruppi, "partecipati sia da uomini del centro sinistra che da uomini del centro destra". Un gruppo farebbe capo a due ex ministri, "entrambi del centrosinistra".

Oggi Grasso si è subito attivato per fare maggiore chiarezza sulla denuncia lanciata ieri sera dalle Iene. Denuncia che getta un'ombra inquietante sull'Aula di Palazzo Madama. Il presidente del Senato punta il dito contro quei senatori che, nelle scorse legislature, sarebbero stati pagati per modificare disegni di legge in discussione: "Se provato questo comportamento sarebbe gravissimo". Purtroppo la natura della denuncia, anonima nella fonte e nei destinatari, rende difficile procedere all’accertamento della verità. Grasso spera, tuttavia, che "gli autori del servizio e il cittadino informato di fatti così gravi provvedano senza indugio a fare una regolare denuncia alla Procura, in modo da poter accertare natura e gravità dei fatti contestati". Da parte sua la seconda carica dello Stato è fermamente intenzionato a adoperarsi per "fornire agli inquirenti nel più breve tempo tutte le informazioni che riterranno utili alle indagini". Nei giorni scorsi, proprio Grasso aveva evidenziato l’esigenza di varare una legge che disciplini, in maniera chiara e trasparente, l’attività lobbistica. La pdl Laura Ravetto ha spiegato che andrebbe depositata una proposta di legge volta a regolamentare i rapporti tra i parlamentari e le lobby: "Andrebbe valutato l’inserimento anche nel nostro ordinamento di un albo dei lobbisti, operanti sul territorio".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 19/05/2013 - 18:58

La democrazia degnera sempre e sistematicamente in una plutocrazia. Chi controlla il denaro paga campagne elettorali e controlla la stampa. E' un segreto di Pulcinella. In Cina è ben noto che l'Occidente è in mano alle oligarchie finanziarie.

MEFEL68

Dom, 19/05/2013 - 19:02

Si potrebbe affidare l'inchiesta alla Boccassini. Lei è bravissima a trovare il colpevole pure in mancanza di prove. Figuriamoci se c'è uno che spiffera.

MEFEL68

Dom, 19/05/2013 - 19:08

Spero che si vada a fondo a questo fatto, che se vero è GRAVISSIMO. Spero che il tutto non venga insabbiato e che non vengano ostacolati gli inquirenti, come sempre è avvenuto quando si è trattato di entrare nelle segrete di quel Palazzo. Spero, altresì, che venga fatto il nome dei venduti; a qualsiasi corrente politica appartengano. Gli italiani hanno il DIRITTO di sapere.

Gianca59

Dom, 19/05/2013 - 19:15

Poiché sono coinvolti tutti, da dx a sx, finirà in una bolla di sapone. Per il Giornale sarebbe una bella occasione per scoperchiare come la casta corre ai ripari.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 19/05/2013 - 19:31

Non mi stupisco, ma si devono fare i nomi dei traditori della patria e del popolo italiano, altrimenti è inutile.

apostata

Dom, 19/05/2013 - 20:00

grasso dovrebbe essere informato sulla scarsa affidabilità di questi signori delle iene

SPQP

Dom, 19/05/2013 - 20:09

C'era bisogno delle Iene per scoprirlo? Da che mondo è mondo funziona così. Ma l'azione giudiziaria in questi casi non è obbligatoria con una notizia di reato di questa portata? Dimenticavo, la magistratura lavora solo per incastrare berlusconi, non ha voglia di fare altro. Boccassini, non ti attrae questa sfida?

stern

Dom, 19/05/2013 - 20:26

ma se è chiaro come il sole che tanto più un soggetto è influente più è acquisibile, che caxxo di notizia è mai questa?

unosolo

Dom, 19/05/2013 - 20:27

da anni si indaga solo su Berlusconi mentre il vero ladro è insediato a spillare soldi per proprio interesse o per proprio tornaconto , insediando leggi che favoriscono amici o grandi appalti presentati appositamente con leggi che garantiscono per anni entrate da nababbi , .sulla casta non si indaga a meno che si chiami Berlusconi.

jeanlage

Dom, 19/05/2013 - 20:51

per i nostri ecologisti, non va bene il nucleare(può enamare radiazioni, il carbone (puzza), l'eolico (è brutto), il solare (copre i campi). L'unica fonte di energia che va bene è il petrolio. Signor presidente Grasso, se cerca delle lobby che pagano parlamentari e movimenti, non deve fare molta strada; si rivbolga ai petrolieri.

vince50

Dom, 19/05/2013 - 20:51

É di questa notizia bisognerebbe stupirsi?,sarebbe come dire che il sole è rotondo.Lo sanno cani e porci che i politici sono farabutti e disonesti,nessuno farà i loro nomi anche perchè la lista sarebbe interminale.Quello che mi stupisce e che ancora c'è chi crede a cappuccetto rosso e alla buona fatina,sveglia,anche se è già troppo tardi.Poi, a pensar male(mica tanto),se i senatori sono "disponibili" dietro pagamento,siamo sicuri che non lo siano anche i portaborse?.

jeanlage

Dom, 19/05/2013 - 21:04

Che cosa grave che le potenze economiche paghino partiti e parlamentari!!! Secondo il Presidente Grasso, chi pagava il PCI e i suoi accoliti (PSIUP ecc.) prima della caduta del muro di Berlino? E' un caso che dopo quella caduta si sono dovuti vendere tutto ed hanno dovuto affidarsi alla COOP, alla faccia del conflitto di interessi?

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Dom, 19/05/2013 - 22:45

...Dopo aver letto l'art. ho "doverosamente" vomitato. Ho voluto, comunque, scrivere qualcosa, non certo per scagliare una lancia a favore di questi pseudo rappresentanti del popolo che, in maniera ignobile, elemosinano i consensi dai cittadini per poi fare, dietro compenso, gli interessi delle lobby, ma per denunciare che anche i finanziamenti così detti "legali" si propongono gli stessi fini, cioè un ritorno in favore di chi li ha elargiti, centuplicato, rispetto alla cifra elargita. Di positivo c'è che non tutti fanno il gioco "sporco".

Silvio B Parodi

Dom, 19/05/2013 - 23:05

ma e' proibito dalla legge se un ente offre denaro in cambio di un voto favorevole?, e se offre il suo corpo? e se promette qualche cosa? in cambio di un voto? come per esempio " ti prometto che se otteniamo lo scopo staremo tutti meglio, anche economicamente?

Carlo R.

Lun, 20/05/2013 - 00:08

Non ci vuole chissà cosa per capire chi sono questi figuri. Basta solo verificare chi ha proposto leggi o emendamenti in favore o in difesa di particolari settori in modo veramente esagerato e certe volte vergognoso. Chi sta dentro i palazzi SA chi sono costoro e senza voler far nomi di questi venduti alle lobby ce ne sono molti anche del centro-destra.

Walter68

Lun, 20/05/2013 - 00:55

Sappiamo benissimo chi c'è dietro i giochi d'azzardo. Chi è stato a bloccare il pagamento di 98 miliardi (novantotto miliardi) di euro che dovevano le società concessionarie delle slot & c? Di chi sono queste società? Leggete i nomi dei loro amministratori e troverete delle sorprese.... ci sono parlamentari di.....

Ritratto di Lu. Car.

Lu. Car.

Lun, 20/05/2013 - 08:44

VERGOGNA!!! Se Silvio fosse al governo ci penserebbe Lui a portare nuovamente onestà, pulizia, dirittura morale, buon gusto, savoir fare, eliminando la casta di corrotti comunisti che sta distruggendo il paese che amiamo! Silvio !!! Silvio !!! Silvio !!!