Saccomanni minaccia: "Se il governo cade, non ci sarà la ripresa"

Il ministro dell'Economia al Forum Ambrosetti: "In caso di una crisi di governo il primo impatto sarebbe sullo spread"

Saccomanni minaccia: "Se il governo cade, non ci sarà la ripresa"
Il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni al Forum Ambrosetti

Adesso Fabrizio Saccomanni passa alle minacce. Invitato a parlare a Villa d'Este per il Forum Ambrosetti, il ministro dell'Economia è tornato a dipingere scenari foschi per far cambiare idea a chi vede nella caduta del premier Enrico Letta l'unica via d'uscita. Secondo il titolare del dicastero di via XX Settembre, infatti, in caso di una crisi di governo il primo impatto sarebbe sui mercati finanziari e, in particolar modo, sull'andamento del differenziale tra i Btp decennali e i Bund tedeschi. "Temo un aumento dei tassi di interesse - ha spiegato a Cernobbio - e un riacutizzarsi dello spread che significa maggiori oneri per gli italiani".

A margine dei lavori al Forum Ambrosetti di Cernobbio, Saccomanni ha ripetuto più volte di essere certo che l'esecutivo non andrà incontro a una crisi politica, ma rimarrà saldo e andrà avanti a lavorare seriamente. Tuttavia, per scoraggiare i detrattori di Letta, prova a far leva sulla tenuta economica del Belpaese. Sul tavolo c'è, infatti, la fini di una recessione durissima che, negli ultimi anni, ha messo in crisi industriali, imprenditori e artigiani e, soprattutto, ha creato una voragine nell'occupazione. Ricordando che "il maggior fattore frenante della crescita è il debito pubblico", Saccomanni ha indicato il timore di nuove tensioni sui mercati di titoli di Stato. Tensioni che creerebbero problemi di disavanzo. Secondo il titolare dell'Economia, i segnali positivi su una ripresa "saranno cancellati se si torna a un’incertezza politica interna e internazionale". "Questa - ha concluso - è un’eventualità vista con preoccupazione anche dai colleghi del G20".

A Villa d'Este è presente anche Letta che partecipa alla due giorni del seminario Ambrosetti. E, proprio a margine dei lavori di Cernobbio, il presidente del Consiglio ha voluto tenere un incontro a porte chiuse con il ministro dell'Economia.