Salvini a briglia sciolta. È il "vaffaday" della Lega

Il neosegretario rispolvera i vecchi cavalli di battaglia padani, attacca l'Ue Roma e gli immigrati: "Se ritroviamo le nostre radici, arriviamo al 10%"

Salvini a briglia sciolta. È il "vaffaday" della Lega

dal nostro inviato a Torino

Beppe Grillo, al confronto, sembra una mammoletta. Al Lingotto di Torino, antico tempio dell'automobile e oggi simbolo di un paese che forse non c'è più, la Lega si strappa il doppiopetto e sfodera gli artigli delle origini. Un'unghiata a Roma, un'altra e un'altra ancora a Bruxelles e poi ai giornalisti che falsificherebbero il pensiero del Carroccio. Ma sì, il vero Vaffa day non è quello celebrato un paio di settimane fa a Genova dal leader dei 5 Stelle, ma questo delle camicie verdi che per acclamazione proclamano Matteo Salvini segretario e confermano Umberto Bossi presidente.

I vaffa sono espliciti e ripetuti, in tutte le direzioni. Grillo, nei suoi discorsi, ha un tratto ironico e grottesco, Salvini no. Carica il fucile dell'indignazione e poi spara. Spara. Spara. Lascia fluire la rabbia e lancia ultimatum e sfide: «La Lega deve tornare a fare la Lega. Il tempo delle mediazioni è finito, le imprese non ce la fanno più. E allora noi dobbiamo disubbidire allo Stato. È arrivato il momento della disubbidienza». Come? Il neo segretario resta sul vago, ma fa capire che qualche gesto eclatante arriverà sul fronte della tasse. Certo, fa impressione vedere che Salvini maneggia la clava e ad ascoltarlo ci sono ben tre governatori del ricco Nord: Roberto Cota, Roberto Maroni e Luca Zaia. Ma questo passa il convento. «Se arrivano i forconi leghisti - minaccia Salvini - i forconi di adesso sembreranno una passeggiata della salute. E presto metteremo in piedi un referendum contro l'euro e un altro contro i sindacati. Perché oggi in Italia è più facile divorziare che smettere di pagare la quota di iscrizione ad un sindacato».

Gesticola il quarantenne Salvini e la sua camicia bianca pare fare pendant a quella di Matteo Renzi che nelle stesse ore comincia la sua avventura parallela alla guida del Pd. Ma è solo una prima impressione: i due sono agli antipodi. «Bisogna ricominciare a chiamare i clandestini col loro nome: non sono migranti, non sono profughi, non sono richiedenti asilo, sono clandestini. E devono essere respinti a calci nel sedere. Tutti, tutti gli immigrati. Via. Via. Via». Roberto Maroni, in cravatta verde, lo applaude a scena aperta, Bossi invece lo guarda perplesso. Sono seduti l'uno di fianco all'altro, Bobo e Umberto, le due Leghe che non si sopportano, il padre nobile e il figlio che ha fatto fuori il genitore, lo sconfitto e il vero vincitore dell'ultima stagione. E però si capisce che la voglia di non abbandonare la sua creatura alla fine ha vinto su ogni calcolo dentro la testa di Bossi. E così, dopo l'umiliazione di una sconfitta bruciante alle primarie, è lì. Seduto. Con regolamentare camicia verde. Come un militante capitato quasi per sbaglio a quel tavolo. A tratti stranito. L'economista Claudio Borghi Aquilini elogia la sua straordinaria preveggenza sui guasti dell'Europa e lui alza il braccio in segno di vittoria. Con un candore quasi infantile. E accetta pure quella presidenza che sa di strapuntino.

Sul palco salgono anche l'olandese Geert Wilders, autore del film anti islamico Fitna, l'austriaco Heinz-Christian Strache, erede di Jörg Haider, il francese Ludovic de Danne, portavoce di Marine Le Pen. È l'internazionale dei no euro, l'armata euroscettica, l'altra Europa. Se la prendono anche loro con l'islam, con gli immigrati, con i tecnocrati di Bruxelles. Bossi li osserva sospettoso. Salvini invece li scavalca a destra: «Faremo una manifestazione comune a Bruxelles a marzo, poi presenteremo una piattaforma unitaria per le Europee. La Lega se fa la Lega può arrivare al 10 per cento. Dobbiamo mandare a casa i criminali e gli assassini di Bruxelles». E di nuovo piovono vaffa su vaffa, fra standing ovation, elmi celtici, striscioni inneggianti all'altro Matteo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti