SuperMario a picco nei sondaggi ha portato tasse e crescita zero

L'eredità dell'esecutivo dei tecnici: debito pubblico ai livelli record In calo Pil e consumi. E solo un italiano su tre si fida ancora di lui

Il premier Mario Monti, accompagnato dalla scorta, fa una passeggiata con la figlia prima di tornare a casa

Roma - «La popolarità di Monti mette in crisi i partiti» titolava The Economist a fine febbraio scorso, mentre El Pais si interrogava su come potesse essere così gradito agli italiani (71% a novembre 2011) il premier dell'austerity e dei sacrifici. Dopo due mesi di governo, Monti era ancora su livelli di fiducia personali da record, oltre il 60%. Poi, settimana dopo settimana, il consenso è calato a picco, fino a dimezzarsi. L'ultimo sondaggio Swg per Agorà lo dà al 33%, il minimo storico da quando è in carica (e solo il 22% vorrebbe un secondo governo Monti), mentre secondo Ipsos/Ballarò Monti è meno gradito come futuro premier rispetto a Bersani e tallonato da Berlusconi e dal futuro candidato del M5S. I tempi sono cambiati, la luna di miele sfuma nel fiele. Non è difficile spiegare il crollo nel gradimento del professore. Gli indici economici reali, quelli vissuti sulla pelle di aziende e famiglie, sono tutti negativi, peggiori del 2011, l'anno del famoso «passo dal baratro» che ha richiesto l'intervento salvifico dei tecnici. La disoccupazione, che negli ultimi giorni del precedente governo era all'8,3% (29% quella giovanile) ha toccato due settimane fa il tasso record dell'11,1%, che arriva a livelli mai raggiunti per i giovani (36,5%).

La pressione fiscale, in Italia già molto sopra la media Ue (siamo il terzo paese su 27 dopo Danimarca e Svezia per carico fiscale), è aumentata di ben 2,2 punti percentuali in un anno di governo Monti, toccando il 44,7% nel 2012 (pari a 35 miliardi di tasse in più rispetto al 2011) per stabilizzarsi poi col 2013 in uno spaventoso 45,3% di imposte dirette. A cui si aggiungono quelle indirette, come le accise sui carburanti, aumentata di 9,9 centesimi al litro per la benzina e di 13,6 centesimi per il diesel. Insieme al superbollo (e ai blitz sulle auto di lusso) introdotto col salva Italia la manovra Monti ha contribuito a mettere in ginocchio il settore auto già in difficoltà. Risultato: in Italia chiude un concessionario d'auto al giorno. Una falcidia che riguarda le imprese in generale, soffocate dal calo della domanda e dal carico fiscale. Nel 2011, ultimo anno di Berlusconi, le cose già andavano male, con quasi 12mila aziende chiuse, una media di 35 al giorno. Ma il 2012 «montiano» è stato di gran lunga peggiore: tra gennaio e settembre sono state più di 76mila le imprese in Italia entrate in procedura di fallimento, pari all'1,3% del totale. Un'ecatombe spaventosa.
Colori cupi anche sulle economie famigliari. L'11% in meno rispetto al 2011 riesce a mettere via qualcosa a fine mese. Secondo un'indagine Censis-Confcommercio nei primi sei mesi del 2012 il 18% dei nuclei famigliari, ovvero 4,5 milioni di italiani, non è riuscito a coprire le spese mensili col proprio reddito, cioè non è arrivata alla famosa quarta settimana. Di conseguenza i consumi sono calati paurosamente (7 miliardi di euro in meno nel 2012), «mai così bassi dal dopoguerra» dicono le stime. E con i consumi e le imprese che chiudono peggiora anche il Pil italiano. Il dato Istat di metà novembre racconta che il Prodotto interno lordo è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e del 2,4% rispetto al 2011.
Sotto il governo Monti l'Italia è entrata ufficialmente in recessione, e non sembra destinata ad uscirne in fretta. Basti pensare che l'Ocse, nel suo Economic outlook di novembre, ha ritoccato al ribasso le stime sul Pil italiano, prevedendo un -2,2% per il 2012 e un -1% per il 2013, mentre sei mesi fa le previsioni erano migliori (-1,7% e -0,4%). Malgrado gli sforzi dei tecnici siano stati concentrati perlopiù sul debito pubblico, peggiora anche il debito pubblico, che raggiunge il record storico di 1.995 miliardi di euro, pari al 126,1% del Pil, sei punti più di un anno fa, solo la Grecia ha fatto peggio dell'Italia, che pure era guidata da Monti. Non basta, anche qui le previsioni Ocse sono pessime. «L'anno prossimo il rapporto debito Pil sfonderà il 130% per portarsi nel 2014 al 132% - scriveva pochi giorni fa su Chicago Blog l'economista Ugo Arrigo -. L'unica volta nella storia d'Italia in cui raggiunse e superò tale valore fu nel 1919. Non è il caso allora di rottamare l'Agenda Monti prima che sia troppo tardi?».

Commenti

MMARTILA

Lun, 10/12/2012 - 08:38

E' stato, ed eventualmente ancora sarà, un disastro totale. Comprendo che inizialmente dovesse far cassa mettendo le mani nelle tasche degli italiani, ma i successivi provvedimenti non sono andati nella direzione giusta. Tutti sappiamo che la spesa pubblica, ed in particolare quella per i dipendenti sanguisughe, dovrebbe essere drasticamente diminuita...beh, non lo ha fatto nell'imminente, se non tagliando i servizi essenziali come sanità e scuola, ma neppure ha gettato le basi per un futuro risparmio. Non si può salvare un paese solo con tasse su tasse, occorre prendere decisioni coraggiose. Anche mandare a quel paese l'UE se necessario. Tutti noi stiamo soffrendo una crisi che per le maggior parte, non ci compete perché non dipendente da noi, arrivata dai moralizzatori economico-finanziari operanti negli States, nessuno ricorda più i titoli spazzatura spacchettati i parcellizzati che hanno inquinato il mondo finanziario? Ma il bello è che di tutti sti sacrifici ne beneficia lo stato nazi, tal Germania...per noi solo dolori! Ciao, Monti...a non rivederla mai più!

Leo.1050

Lun, 10/12/2012 - 09:48

Il fatto è che oramai nessuno si fida di nessuno: meno che mai di Napolitano e Bersani!

aitanhouse

Lun, 10/12/2012 - 15:12

gli amici banchieri sono stati avvisati dalle voci di dentro e lo spread è salito ,la borsa calata. Il tutto mentre ad oslo va in scena il più disgustoso spettacolo circense: fra inchini, sorrisi e ringraziamenti i clowns europei incassano il nobel per la pace e tramano nell'ombra come fregarsi fra loro perchè la grande germania resti uber alles per affamare altri milioni di europei illusi dall'euro. La "simpatica gnocca "della più trash trasmissione di rai 3 ha forse trovato il termine giusto da rivolgere al club dei clowns riuniti ad oslo ed anzi ,per l'occasione , la inviteremmo ad essere più precisa nelle sue performance anche se fra i destinatari vi sono suoi amici e protettori.

tiantian

Mar, 11/12/2012 - 05:04

Il sig Mario, e' l'emissario delle banche d'investimento, che hanno solo interesse che il sistema finanziario, banche, fondi e similari continuino a funzionare e lui ha svolto il suo compito magnificamente. Peccato che a rimetterci siano stati gli Italiani, ma questo e' solo un dettaglio.