L’appello «Il sindaco Cacciari salvi la spiaggia dove Visconti girò “Morte a Venezia”»

«Cacciari salvi la spiaggia dove Visconti girò “Morte a Venezia”». È l’appello degli abitanti del Lido riuniti nel Comitato Alberoni, per i quali il Piano degli Arenili del Comune rischia di far sparire lo stabilimento dei primi del ’900 che sorge sulla spiaggia dove nel 1971 Luchino Visconti girò le scene clou del film con Dirk Bogarde e Silvana Mangano. Come il romanzo di Thomas Mann, il film si svolge nel celebre «Hotel Des Bains», ma pochi sanno che per le scene in esterno Visconti scelse la spiaggia davanti ai Bagni Alberoni. Ed è proprio questo storico stabilimento del Lido che per il comitato di cittadini adesso rischia di morire a causa del Piano Arenili, che prevede la formazione di una grande duna, come nel paesaggio naturale originario, che «taglierebbe a metà» i Bagni Alberoni. Stabilimento condannato praticamente a morte sicura insieme per il comitato. «Non sparisce niente, stiano tranquilli, la questione è in via di soluzione», ha assicurato il sindaco Cacciari, piuttosto spazientito dall’ultimo atto di una polemica che va avanti da tempo e che ritiene di avere già chiarito.

Commenti