"L'auto pulita" di Yozo Hasegawa racconta una sfida ecologica

La sfida economica del nuovo millenio è l'auto ecologica perfetta. Sfida tra governi e case automobilistiche per primeggiare

Dal duello tra Honda e Toyota fino alla risposta dei marchi occidentali, il libro di Yozo Hasegava racconta la battaglia della case costruttrici nella messa a punto de l'auto pulita perfetta, uno scontro definito la sfida economica mondiale del nuovo secolo.
Messo alle corde dalla crisi del credito e dell'economia reale, il mercato dell'auto è uno dei principali motori dell'economia mondiale, che come altre industrie ha risentito della crisi internazionale. La global Insight stima in 110 miliardi di dollari i ricavi mancati del settore automobilistico, costretto a ripensarsi per sia per il crollo della domanda, sia per la rinnovata attenzione all'ambiente, sia per la crisi del petrolio. Per combattere la crisi la partita si gioca e vincere la concorrenza interna la partita si gioca sulla messa a punto di un'auto di nuova generazione più vicina alle esigenze dei clienti e dell'ambiente.
"L'auto pulita" di Yozo Hasegawa è il racconto di questa sfida in 206 pagine ricche di curiosità, progetti, storie di uomini e motori come quella dello scozzese Robert Davidson, che nel 1838 fece ricorso a un motore a batteria per muovere un veicolo alla brillante velocità di sette chilometri orari. Nel 1905, invece, un ingegnere statunitense di nome H. Piper aveva chiesto di brevettare un veicolo elettrico a propulsione ibrida. All'epoca vennero inventate diverse auto ibride e la prima fu commercializzata in Francia nel 1909. Ma con il passare del tempo i motori a scoppio migliorarono in termini di potenza erogata e le sperimentazioni sulla propulsione ibrida proseguirono per qualche tempo, per cadere però nel dimenticatoio verso il 1920.

Commenti