«LaVerdi» festeggia venti anni di grande musica sinfonica

Per la quinta stagione consecutiva, anche nel 2013-14 sarà Zhang Xian a guidare l'Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi che ha raggiunto ormai una statura internazionale che la pone tra le prime del mondo. LaVerdi, infatti, compie 20 anni e la prossima stagione celebra al meglio il traguardo, con il ritorno del maestro Riccardo Chailly, direttore onorario de laVerdi, per l'esecuzione dell'Ottava Sinfonia di Mahler, il 23 novembre, nell'esclusiva cornice di MiCo-Milano Congressi, in collaborazione con Fondazione Fiera Milano. Ma le «candeline» del compleanno verranno accese dieci giorni prima,con il concerto del 13 novembre all'Auditorium, esattamente vent'anni dopo il concerto inaugurale al Consevatorio, con la riproposizione del medesimo programma (Caikovskij, Serenata in Do maggiore per orchestra d'archi op. 48; Berlioz, Sinfonia Fantastica op.14).
La Stagione sinfonica si snoderà per 38 programmi, fino a giugno 2014. Mahler ancora protagonista a dicembre con la Sinfonia n°1 «Blumine», diretta dall'americano John Axelrod, direttore principale de laVerdi. Nella panoramica, è doveroso partire proprio da Verdi, di cui si celebra il bicentenario, consacrando al compositore di Busseto quattro programmi e il concerto straordinario del 10 ottobre, giorno del suo compleanno. Tra le grandi pagine sinfoniche corali, saldamente inserite nella tradizione de laVerdi, l'Ottava di Mahler sarà affiancata dalla Nona Sinfonia di Beethoven per Capodanno (29, 30, 31 dicembre 2013, 1 gennaio 2014, direttore Zhang Xian), mentre nella settimana di Pasqua, con la direzione del maestro Ruben Jais, sarà eseguita la Passione Secondo Giovanni di Bach. Da ricordare, a novembre, la Messa da Requiem di Verdi (direttore Zhang Xian). Per le altre attività della Fondazione il Crescendo in Musica (XV edizione), parte del programma educativo de laVerdi, propone 10 appuntamenti al sabato pomeriggio per avvicinare bambini e ragazzi alla musica classica. Si spazierà dai sogni e le fantasie poetiche di Bustric, alla travolgente energia della Banda Osiris che proporrà Vivaldi in un'inedita prospettiva; dalla fiaba di Cenerentola alla storia delle maschere nella commedia dell'arte, dalla poetica ispirazione de Il Piccolo Principe di Saint d'Exupery,all'energia fiabesca de Il Piccolo Spazzacamino di Britten. Con «made in Italy», la quinta edizione del ciclo Domenica mattina con laVerdi, ideato e diretto dal maestro Giuseppe Grazioli, continua a proporre scelte ricercate e originali - anche di autori meno noti - per offrire una prospettiva più ampia del panorama sinfonico. Nata cinque anni fa per volere del suo direttore, il Maestro Roben Jais, come ensemble dedicato al repertorio sei-settecentesco, laVerdi Barocca da questa stagione cambia nome in «laBarocca», proponendo otto nuovi appuntamenti.