Via libera della Gelmini al decreto «salva precari»

Il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, ha firmato il decreto applicativo delle disposizioni contenute nel Decreto «salva precari» pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta ufficiale.
Nel provvedimento, condiviso da tutte le sigle sindacati (Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda e Anp), viene garantita la precedenza assoluta nel conferimento delle supplenze temporanee al personale docente e Ata (ausiliario, tecnico e amministrativo) a cui non è stato rinnovato l’incarico quest’anno.
La domanda per il conferimento di un incarico dovrà essere presentata entro dieci giorni a partire da ieri. Gli insegnanti e i tecnici amministrativi che presenteranno richiesta di supplenza potranno indicare una sede provinciale a scelta tra quella che ha gestito la graduatoria a esaurimento e quella nella cui graduatoria di circolo o di istituto si è inseriti per questo anno scolastico.
Queste norme - spiegano a viale Trastevere - integrano la manovra di aiuti al personale precario messa in atto dal ministero e resa possibile attraverso specifiche intese con molte Regioni attraverso le quali sono previsti finanziamenti, azioni di allungamento del tempo scuola e il potenziamento dell’offerta formativa.
Grazie alla convenzione stipulata con l’Inps e il ministero del Lavoro, inoltre - si ricorda - viene assicurata anche una notevole semplificazione dei procedimenti amministrativi per il pagamento tempestivo dell’indennità di disoccupazione.