Al liceo scientifico Newton vietati i baci fra gli studenti

Con l’inizio del nuovo anno scolastico «l’ultimo bacio» non sarà solo un film di Muccino, ma un’amara rassegnazione per molti fidanzatini del liceo scientifico Newton di Roma, dove saranno banditi i baci e le effusioni a scuola per evitare il rischio del contagio dall’influenza A. Vita da single all’interno dell’istituto romano dove, convocati i ragazzi in aula magna per l’inaugurazione del nuovo anno, anche i genitori saranno informati del «divieto amoroso» imposto ai loro figli per motivi sanitari. E una circolare girerà per le classi assieme all’elenco di una serie di pratiche da adottare per limitare i rischi del contagio. Insomma una decisione che ricalca quella voluta dal sindaco di Le Guilvenec, un paesino bretone sulla punta ovest della Francia, dove per il rientro a scuola sono stati proibiti baci tra studenti.
Così il preside del liceo Newton e vicepresidente dell’associazione nazionale presidi Mario Rusconi, ha optato per il no ai baci come «una forma di profilassi intelligente». «Faremo capire ai ragazzi che baci ed effusioni vanno evitati a scuola per una questione di prevenzione - spiega Rusconi -. Ci rivolgeremo ai ragazzi così come li abbiamo convinti a non occupare l’istituto durante i mesi delle agitazioni studentesche. Le prime lezioni sulla profilassi saranno tenute da insegnanti di scienze che spiegheranno le modalità di contagio e le precauzioni da prendere tra le quali anche quello di curare maggiormente l’igiene».
Rusconi, che ha assicurato di non voler prendere nessun provvedimento disciplinare per gli irriducibili romanticoni disobbedienti alla circolare, ha spiegato «che almeno la metà degli studenti ha la tenera abitudine di darsi baci, anche tra amici, sulle guance». E anche se con il bacio «al bando» il virus sembra aver vinto la sua prima sfida, ci sono altre iniziative che le scuole romane preparano per contrastare l’influenza A. «Abbiamo avuto numerose offerte da ditte che producono sterilizzanti per l’inserimento, nel nostro istituto, di erogatori di amuchina o altri liquidi igienizzanti. Le stiamo valutando - ha detto il preside del Mamiani Cosimo Guarino - ma se dal ministero ce lo chiederanno anche noi imporremo il divieto del bacio». La scuola media Esopo, invece, si affiderà al medico scolastico.