Lirica Parte a Como il circuito lombardo

Sarà «La Bohème» ad inaugurare l'1 ottobre, al Sociale di Como, la stagione lirica 2009 dei teatri di tradizione della Regione, riuniti nel Circuito Lirico Lombardo: cinque spettacoli per complessive 45 recite - oltre a una decina di rappresentazioni fuori regione - che si protrarranno fino alla metà di gennaio del 2010. Sono il Grande di Brescia, il Sociale di Como, il Ponchielli di Cremona e il Fraschini di Pavia - ai quali si aggiunge, per «La figlia del reggimento», il Donizetti di Bergamo - a dar vita all'unico vero circuito lirico italiano: coordinati dalla Regione Lombardia, dalla quale ricevono anche un cospicuo sostegno economico, i teatri storici lombardi uniscono competenze tecniche e capacità organizzative - insieme con il prezioso apporto dell’orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano - per dar vita ad una stagione attraente e coraggiosa, perché ai titoli del grande repertorio affianca opere raramente eseguite, dando anche spazio ai giovani cantanti - in particolare ai vincitori del concorso As.Li.Co. -, creando per loro occasioni di debutto al fianco di artisti ormai affermati. Dopo Bohème, in cartellone anche l'insolito dittico formato da «La voix humaine» di Jean Cocteu/Francis Poulenc e «Pagliacci» di Leoncavallo; «Norma» di Vincenzo Bellini, «La figlia del reggimento di Donizetti», infine un altro dittico con «Die sieben Todsünden» di Bertolt Brecht/Kurt Weill e «Trouble in Tahiti» di Leonard Bernstein.