«La manovra mette a rischio pure la sanità. Sarebbe gravissimo»

I tagli della Finanziaria potrebbero toccare anche la sanità, cardine del bilancio regionale. «Sarebbe un fatto gravissimo» denuncia il presidente lombardo Roberto Formigoni che si fa portavoce dei governatori (e non solo) scontenti della manovra. Chiacchiere, voci «nei retrobottega», aggiunge Formigoni, ma si sa che i corridoi dei ministeri hanno orecchie potentissime e occhi attenti e si trasformano in fonti assai attendibili. Spiega il presidente della Regione: «Noi governatori temiamo che ci possa essere una diminuzione anche dei finanziamenti alla sanità, nonostante il governo sostenga il contrario». Eventuali ritocchi che riguardano la sanità avrebbero ricadute immediate sui servizi, magari anche sui ticket, che ogni anno minacciano pericolosamente di lievitare. Lo stesso Bossi, che nei giorni scorsi ha invitato a Formigoni a stare tranquillo, adesso riconosce che il problema è di grande entità e promette di affrontarlo in un colloquio faccia a faccia con il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti