Manovra, spunta una tassa su cartine e filtri per sigarette

Si tratta di una mico tassa di 0,005 euro che colpirà cartine e filtri "funzionali ad arrotolare le sigarette"

Tra le varie misure inserite dal governo giallorosso nella bozza di Legge di Bilancio spunta anche una mini tassa per cartine e filtri.

In particolare, la norma in questione andrà a colpire i cosiddetti "prodotti accessori ai consumi di tabacchi". La lista comprenderà le "cartine" e le "cartine arrotolate senza tabacco" ma anche i "filtri funzionali ad arrotolare le sigarette". Questi saranno "assoggettati ad imposta di consumo in misura pari a 0,005 euro il prezzo contenuto in ciascuna confezione destinata alla vendita al pubblico".

Detto in altre parole, stiamo parlando di una tassa di 5 centesimi, che ovviamente graverà sulle spalle dei consumatori italiani. Anche perché l'imposta sul consumo “è dovuta dal produttore o fornitore nazionale o dal rappresentante fiscale del produttore o fornitore estero all'atto della cessione dei prodotti alle rivendite", cioè ai tabaccai, i quali si vedranno molto probabilmente costretti ad aumentare il costo dei prodotti tassati.

Stop a vendita online

La stessa norma impone che i prodotti citati siano venduti solo ed esclusivamente dai rivenditori autorizzati. Non ci sarà più possibilità di acquistarli online, dal momento che “è vietata la vendita a distanza, anche transfrontaliera, ai consumatori che acquistano nel territorio dello Stato”.

Le altre tasse

Una micro tassa, quella su cartine e filtri, che quasi non si vede ma c'è. E si aggiunge a tutte le altre, sugar tax e plastic tax in primis. La prima, la tassa sulla plastica, dovrebbe scattare dal prossimo giugno e prevede un'aliquota di un euro per ogni chilogrammo di plastica o imballaggi utilizzati dalle imprese: mille euro a tonnellata; la seconda, meglio nota come "imposta sulle bevande analcoliche edulcorate", prevede un'imposta di 10 euro per ettolitro per i prodotti finiti, e 0,25 per chilogrammo per quei prodotti da utilizzare "previa diluizione". Quest'ultima misura non si applica alle bevande destinate a essere esportate. Prevista inoltre la tassa sulla fortuna, che prevede un prelievo fisso del 15% sull'ammontare delle somme giocate in lotterie e gratta e vinci e sulle relative vincite che superino la soglia di 500 euro.

Spese sanitare detraibili solo se effettuate con pagamenti elettronici

Per quanto riguarda le spese sanitarie, viene confermata la stretta sulle detrazioni per i redditi più alti. Stando alla bozza, sono ridotti progressivamente gli sgravi per i redditi di oltre 120 mila euro. Eppure il governo aveva dichiarato che le spese sanitarie sarebbero state esenti, invece eccole all'interno di una misura presente nella bozza. In ogni caso, si legge, "sulla rimodulazione degli oneri detraibili in base al reddito" sono in corso "valutazioni per escludere le spese sanitarie relative alle patologie più gravi". Non è finita qui, perché soltanto i pagamenti effettuati con strumenti elettronici, tra cui bonifici o carte, potranno essere conteggiati tra le spese detraibili al 19%; tra queste trovano spazio, dunque, anche quelle sanitarie.

Sul fronte famiglie raddoppia il bonus asilo nido. Il voucher per gli asili nido passa da 1500 a 3000 euro per i nuclei familiari con Isee fino a 25 mila euro; il bonus aumenta a 2500 euro per chi ha Isee fino a 40 mila euro e rimane invariato, a 1500 euro, per chi supera tale soglia.

Capitolo editoria: le scuole pubbliche che acquisteranno abbonamenti a quotidiani o periodici potranno contare su un contributo fino all'80% della spesa sostenuta, mentre a Radio Radicale verrà prorogato per il periodo 2020-2022 il regime convenzionale con una spesa di 8 milioni di euro all'anno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calmapiatta

Mer, 30/10/2019 - 14:06

Come usavano dire i vecchi: "s'attaccano pure al fumo della pipa".

buonaparte

Mer, 30/10/2019 - 14:08

ora farsi le canne costerà di piu - ci saranno le manifestazioni dei centri sociali ?

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 30/10/2019 - 14:09

Nota per l'articolista: 0,005Eur corrispondono a 0,5cent e non a 5cent. Quale e' la tassa vera?

schiacciarayban

Mer, 30/10/2019 - 14:09

"Manovra: aiuti alle famiglie, partite Iva e affitti fisco più leggero: cosa cambia Sigarette, spunta tassa su filtri e cartine" Questo è il titolo che appare sugli altri media, come mai sul Giornale parlate solo delle tasse su filtri e cartine? Per favore, un minimo di obiettività.

agosvac

Mer, 30/10/2019 - 14:15

Quanto prima Conte farà tassare anche "il Sole, il Cielo, ed il Mare".

Pinozzo

Mer, 30/10/2019 - 14:18

Imparate almeno la matematica, capre. Non 5 centesimi ma 0.5 centesimi, cioe' mezzo centesimo. Praticamente nulla.

arilibellula

Mer, 30/10/2019 - 14:44

il tabacco è un vizio e pure nocivo per la salute di chi fuma e di chi è vicino (per non parlare delle cicche buttate a terra ovunque). Per me potrebbero anche mettere una tassa di 5 euro per ogni pacchetto.

arilibellula

Mer, 30/10/2019 - 14:48

@Pinozzo e mvasconi Mi sa che i conti non li sapete fare voi. Non si compra la singola cartina tassata di mezzo cent ma il pacchetto, e se è costituito da da 10 cartine ... ohibò! 0.005 * 10 = 5 centesimi e se il apcchetto è da 100: 50 centesimi!

ziobeppe1951

Mer, 30/10/2019 - 14:55

Pinozzo...14.18...0.5 cent. moltiplica per ogni adoratore di maria....

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 30/10/2019 - 15:48

Marzo 1979: in quel mese ho smesso di fumare definitivamente. Deo gratias!

rampino19

Mer, 30/10/2019 - 15:50

0.5 centesimi "al pezzo" cioè su una confezione da 50 cartine sono 25 centesimi e sulle confezioni di filtri da 120 sono 60 centesimi.

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 30/10/2019 - 15:55

@arilibellula: Per me è più giusto che tassino abbondantemente gli alcoolici e i superalcoolici. Fanno più morti loro che le bionde. Basta leggere i giornali o guardare i vari tiggi. Non passa giorno che si senta, ubriaco al volante investe...ecc. ecc.

Massimo Bernieri

Mer, 30/10/2019 - 16:08

Spero il pagamento elettronico non valga per spese in farmacia dove c'è il tuo codice fiscale nella ricevuta dove una copia va Agenzia Entrate la sera stessa alla chiusura che incrocerà questi dati con quelli che uno comunica come spese farmaci portati in detrazione.Non vedo come con il contante la farmacia possa fare il "nero".

pv

Mer, 30/10/2019 - 16:13

Ottimo. Bravo governo!

Ritratto di abj14

abj14

Mer, 30/10/2019 - 16:20

Leggo : "soltanto i pagamenti effettuati con strumenti elettronici, tra cui bonifici o carte, potranno essere conteggiati tra le spese detraibili al 19%; tra queste trovano spazio, dunque, anche quelle sanitarie" - - - Qualora questa ventilata procedura dovesse trovare applicazione, qualche burocrate, specie se PiDiota, dovrebbe venire in Africa e spiegarmi come faccio a pagare con carta di credito se la farmacia in questione non prevede questo tipo di pagamento ma solo contanti. - Ma cacchio, se c'è lo scontrino/ricevuta dove sta il problema ?

ulio1974

Mer, 30/10/2019 - 16:20

anche qui ignoranza e/o superficialità dell'articolista la fanno da padrone: 0,005 euro non sono 5 centesimi, bensì 5 milleimi. un po' di precisione, quando si scrivono articoli, non farebbe male, così come anche un po' più di matematica (da 2° media)....

ulio1974

Mer, 30/10/2019 - 16:24

Pinozzo 14:18: concordo appieno!! oramai imprecisione ed inesattezza sono in ogni articolo.

ulio1974

Mer, 30/10/2019 - 16:26

arilibellula 14:48: aribellula non capisce. e se le cartine sono 30?!?! l'articolista sostiene chiaro e tondo che 0,005 euro sono 5 centesimi di euro.

lelim

Mer, 30/10/2019 - 16:51

Parte I Vediamo un caso pratico: Due anziani, moglie e marito, hanno bisogno di medicine. La signora è a letto e non può andare in farmacia. Il marito si fa fare le prescrizioni dal dottore per quanto necessita e poi si reca presso la farmacia per l'acquisto. Ora, se desidera che la corrispondente spesa sanitaria sia effettivamente detraibile, dovrà pagare con la carta di credito .... ma quale? quella della moglie o la sua ? E se fossero entrambi allettati e l'acquisto dovesse essere fatto dalla badante ??? Allora dovrebbero consegnare le loro carte di credito a una terza persona per poter CERTIFICARE la spesa detraibile? A me pare veramente che rasentiamo la follia.

lelim

Mer, 30/10/2019 - 16:51

PARTE II Il tracciato della ricetta elettronica, ad oggi, è già sotto le grinfie del fisco. Da quando il dottore la compila (controllo dei codici di esenzione, del Codice Fiscale, del medicinale prescritto per patologie preesistenti e, ove si tratti di medicinale fuori dalle cure "standard" deve anche essere indicata la patologia sopraggiunta e per la quale detto farmaco viene prescritto). La farmacia prende il "pezzo di carta" chiamato per errore "Ricetta elettronica" e lo completa con le fustelle del medicinale, lo inserisce nel totalizzatore di cassa che lo invia anche al fisco e il farmacista finalmente si fa pagare rilasciando una quietanza. PERCHE' va usata la CARTA DI CREDITO???? a chi giova????

cecco61

Mer, 30/10/2019 - 16:52

@ schiacciarayban: proprio non ce la fa ad essere un minimo serio? Aiuti alle famiglie (solo alcune) e la cedolare sugli affitti che ancora non si sa come verrà modificata sono sempre e solo i soliti compensi per comprare voti pagati dal resto degli italiani, lo specchietto per le allodole per mascherare una miriade di tasse che colpiscono tutti indiscriminatamente. Ridurre le spese no?

jaguar

Mer, 30/10/2019 - 16:53

Non sono scemi, sanno benissimo che in Italia si usa molto il contante, quindi spese sanitarie detraibili solo se pagate elettronicamente. Dei cervelloni, non c'è che dire.

Edith Frolla

Mer, 30/10/2019 - 17:33

Tasse su cartine e filtri: centri sociali pronti alla rivolta !

bernardo47

Mer, 30/10/2019 - 17:36

non fumo e ho smesso da ben 20 anni! le spese mediche le paghero' con bancomat, perche' il mio 19% lo voglio eccome!non vedo problemi! caccia grossa a evasione, deve cominciare sul serio! basta derubare i pensionati e i dipendenti e le persone per bene che le tasse le pagano tutte, di 120/130 miliardi annui! BASTA!

bernardo47

Mer, 30/10/2019 - 17:38

jaguar, basta adeguarsi con bancomat o simili, per interrompere il mercimonio sotteso anche di certi medici non onesti!e come pure di altri professionisti o prestatori di opera, intendiamoci!

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 30/10/2019 - 17:53

0,005 non sono 5 centesimi! Correggere in 0,5 allora. Le inventano tutte sti comunisti ahahahahahah

jaguar

Mer, 30/10/2019 - 17:59

bernardo47, per carità, adeguiamoci a pagare col bancomat, speriamo che anche le banche non adeguino le spese per l'uso delle carte elettroniche.

steorru

Mer, 30/10/2019 - 18:18

Mi sembra troppo poco,si dovrebbe tassare sia il tabacco sfuso che i vari accessori (pipe incluse) oltre che sigarette e sigarette elettroniche il ricavato dovrebbe andare al servizio sanitario per ripagare i danni che subiscono e infliggono ai non fumatori

Gianni11

Mer, 30/10/2019 - 18:26

Quello che costa qualsiasi cosa in farmacia in Italia e' al di fuori di qualsiasi realta' economica. Del resto tutto in italia costa troppo, a causa di molteplici tasse su tutto. Poi mettici pure l'IVA e siamo finiti. Ma quando ci liberiamo dallo sfruttamento fiscale che sta strozzando l'economia e riducendo il Paese alla miseria?

bernardo47

Mer, 30/10/2019 - 18:28

jaguar su questo concordo con Lei..ma evasione, e' una guerra che va combattuta! Abbiamo il record in UE! una vergogna assoluta che deruba di 120 130 miliardi annui, tutte le persone oneste che le tasse le pagano tutte alla fonte, come i milioni di pensionati e i milioni e milioni di lavoratori dipendenti!

t.francesco

Mer, 30/10/2019 - 18:49

LE SPESE MEDICHE SONO TUTTE GIUSTIFICATE DA SCONTRINI E RICEVUTE, SICURI CHE LA DETRAZIONE DEI SOLI PAGAMENTI CON MEZZI ELETTRONICI SIA COSTITUZIONALE. BISOGNERA' CAMBIARE LA LEGGE CHE IMPONE AL VENDITORE L'OBBLIGO DI ACCETTARE LA MONETA E NON LA CARTA DI CREDITO. SECONDO ME STANNO PERDENDO L'ORIENTAMENTO. CHISSA SE DIPENDDE DALLE BOTTE UMBRE.

teopa

Mer, 30/10/2019 - 19:36

neanche in russia anni '80 facevano sto scempio,va bhe anche questi che stanno adesso al governo sono comunisti quindi... che ti puoi aspettare???

mariolino50

Mer, 30/10/2019 - 19:55

Se ti fanno la ricevuta fiscale con codice, necessaria per le detrazioni, cosa conta come hai pagato, risulta comunque. A volte faccio lo scontrino parlante anche per 5 euro di medicine, bisognerà pagare anche quello con carta di credito, mica tutti le hanno, tipo mia suocera di 95 anni, e tutti quelli come lei.

mozzafiato

Mer, 30/10/2019 - 20:43

Mi piace ogni tanto andare a consultare la prima pagina delle 2 agenzie indipendenti (sic) ANSA e ADNKRONOS : Da quando si è insediato il governo di pezzenti falliti, TI SBATTONO SISTEMATICAMENTE A RILIEVO SOLO LE NOTIZIE DEI BENEFICI DELLA MANOVRA MIRACOLOSA (TAGLIARE 24 MILIARDI CONCEDENDO A TUTTI REGALI E BENEFIT)! Ovviamente di aumenti, nuove tasse, nuovi balzelli, NEMMENO UNA MICRO METRICA TRACCIA! Ma non è finite qui: quando i pezzenti falliti annunciano il ritiro di una proposta circa un aumento (vedi la cedolare secca) LO PRESENTANO COME "UNA DIMINUZIONE DI UN BALZELLO ESISTENTE"!

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 30/10/2019 - 20:44

Parte del mio precedente commento è rimasta fuori. Lo posto di nuovo: In compenso un governo sadico come questo, ci pindaccerà stampando sulle confezioni di cartine e filtri immagini di gente colpita dal cancro... non necessariamente a causa dei fumo.

Ritratto di pietro1951

pietro1951

Mer, 30/10/2019 - 22:00

Si sono dimenticati della carta igienica, colpirebbe anche i non fumatori, creando ulteriore introito per lo Stato.

Antonio Chichierchia

Mer, 30/10/2019 - 22:35

Ehi, Conte, dimenticate un ritocchino sulla benzina ..., che diamine, possibile abbandonare un caposaldo delle gabelle come la benzina. Forza un po' di faccia tosta ... del resto se state la un po' di faccia tosta ce l'avete.

cgf

Mer, 30/10/2019 - 22:51

quindi i soliti 74 centesimi che mi trovo a pagare ogni 2 mesi, dovrò pagarli col bancomat? sarà contento il farmacista

trasparente

Mer, 30/10/2019 - 22:54

Spese sanitare detraibili solo se effettuate con pagamenti elettronici: stanno demonizzando il denaro reale, mentre in verità è quello virtuale il più pericoloso. Inoltre chi paga con il contante viene fatto apparire come un evasore, ma non so se qualcuno se ne rende conto?

lorenzovan

Gio, 31/10/2019 - 00:27

cpontionuo a non capire i problemi con i pagamenti elettronici..in Olanda dove vado spesso..il 99% paga via eletronica..incluso al bar...in Portogallo siamo sul 70/80 % incluso anziani ...Ritorniamo allo stesso punto ..hgia' valido per le pensioni..in Olanda e Portogallo a 65 anni..Ma cosa hanno gli italiani che manca rispetto agli altri paesi ???magari l'idea di dover vivere rispettando le leggi e omnestamente....

EliSerena

Gio, 31/10/2019 - 07:36

Basta menzogne a buon mercato. Le spese sanitarie sono sempre detraibili. Parlate una buona volta degli aspetti positivi di questa manovra che non sono pochi e basta inventarvi tasse che non esistono

ruggerobarretti

Gio, 31/10/2019 - 08:20

bernardo47: "il mercimonio"??? Quale?? Nel caso specifico puo' essercene solo uno: falsa attestazione di spesa. E tu credi che cambiando le regole di pagamento se uno vuole non e' capace di aggirare questo ostacolo?? Si fa ed e' anche semplice, suvvia un minimo di perspicacia. Siamo governati da gente in malafede e per questo doppiamente delinquente. Qua l'obiettivo non e' la lotta all'evasione, ma quello di mettere, prima o poi, mano ai risparmi degli italiani.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 31/10/2019 - 08:21

La tassa sulla polvere non la mettono?

ruggerobarretti

Gio, 31/10/2019 - 10:33

sembra che ora abbiano fatto marcia indietro. Caro lorenzovan a casa mia si chiama liberta'. Posso essere libero di utilizzare il denaro che ho guadagnato lecitamente come mi fa piu' comodo??

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 31/10/2019 - 14:35

Gentile EliSerena, a meno che lei non goda di una cassa privata, a me risulta che sia detraibile il 19% delle spese sanitarie eccedenti un livello minimo intorno ai 200Eur...

rosalba cioli

Gio, 31/10/2019 - 16:04

spese sanitarie detraibili solo se pagate con pos o carta di credito: questi sono fuori, il povero pensionato che fatica ad usare questi strumenti sarà pure penalizzato! Questi sono completamente fuori!

rosalba cioli

Gio, 31/10/2019 - 16:05

Caro Mattarella, a casa li devi mandare, e subito!!!!!