Massimo Bubola continua a cantare la realtà tra folk celtico, suoni rock e ballate popolari

Antonio Lodetti

Ha fatto le cose sul serio il Verona Folk festival: rassegna di musica folk d’autore, che per la sua prima edizione ha portato in scena grossi calibri come i gloriosi Fairport Convention (Richard Thompson compreso)a più di trent’anni dalla loro ultima apparizione italiana, i sempreverdi Chieftains di Paddy Moloney, i suoni vibranti di Alan Stivell. Stasera, in piazza Ferdinando di Savoia a Peschiera del Garda, è il turno della scozzese Mick West Band e domani, sempre a Peschiera, concerto di chiusura con Massimo Bubola, che è anche direttore artistico della manifestazione.
Bubola, da sempre amante del folk celtico e della musica popolare (nonché del rock anni Settanta) unisce nelle sue canzoni queste due grandi tradizioni. Proprio in questo periodo - insieme alla sua Eccher Band - sta registrando alcune classiche ballate venete che usciranno presto su disco e con la Eccher Band sarà sul palco stasera ripercorrendo il suo repertorio. «Vengo da una famiglia patriarcale da cui ho sviluppato un amore sviscerato per i suoni popolari. Poi mi sono nutrito di musica folk angloirlandese e americana, che insieme al blues sta alla base della musica moderna. Gli aspetti che caratterizzano le mie canzoni sono la cultura umanistico-letteraria, i suoni acustici e un pizzico di rock elettrico. Insomma nel mio cuore ci sono Shelley e Keats, Dylan e Woody Guthrie, Springsteen e i Rem».
Con queste idee Bubola è partito alla fine degli anni Settanta con l’album Nastro giallo e poco tempo dopo è nata la sua collaborazione con Fabrizio De André (che Bubola considera «un giovane padre») da cui sono nate canzoni come Una storia sbagliata dedicata a Pasolini o la rilettura italiana della Romance in Durango di Bob Dylan fino a Don Raffaè. (Il disco del 1981 Tre rose, prodotto da De André che suona anche in alcuni brani, è stato ripubblicato da poco in cd).
Tra i suoi brani più celebri Il cielo d’Irlanda (cantata anche da Fiorella Mannoia), alcune collaborazioni con Cristiano De André, Mauro Pagani, i Gang e i piccoli affreschi di vita che punteggiano album come Vita morte e miracoli, Doppio lungo addio, Mon Trésor, Diavoli e farfalle che cita il blues, il country rock, Primo Levi e la pasionaria friulana Tina Modotti fino ad arrivare al doppio dal vivo Il cavaliere elettrico (seguito da Volume tre: Storie scure) che sintetizzano la sua opera dal vivo. «Il concerto è un momento esaltante, in cui sottopongo me stesso e le mie vibrazioni alla prova del pubblico». La sua visione moderna, ma dalle radici antiche, del folk emerge anche dal cd dello scorso anno Segreti trasparenti.

Commenti

Grazie per il tuo commento