«Mazzoli (Pd) fa propaganda usando i pc della Provincia»

«Mazzoli (Pd) fa propaganda usando i pc della Provincia»

Ha usato i computer della Provincia per mandare e-mail e inviti a membri della sua corrente politica. Nell’occhio del ciclone è finito il presidente di Viterbo Alessandro Mazzoli. A chiamarlo in causa è stato il consigliere locale del Pdl Francesco Battistoni che domani presenterà un’interrogazione per chiedere spiegazioni a Mazzoli sulla vicenda ed eventualmente le dimissioni. «Nei giorni scorsi - sottolinea Battistoni - ho sollevato il problema dei costi sempre più elevati della politica della giunta provinciale. La cifra, solo per il 2009, si aggira sui 3 milioni di euro. Se almeno questa montagna di denaro si traducesse in risultati concreti, potremmo consolarci. Invece il bilancio dell’amministrazione è sotto gli occhi di tutti i viterbesi».
Battistoni alza il velo su una questione molto delicata, che invece i cittadini non conoscono. «Mazzoli utilizza dipendenti e mezzi di Palazzo Gentili per la campagna congressuale interna al Pd - continua il consigliere - si serve della sua segreteria e dei pc per farsi propaganda. Dall’indirizzo di posta elettronica della sua segretaria, infatti, sono partite e-mail, indirizzate a diversi destinatari, che contenevano un invito a partecipare all’iniziativa del Comitato Bersani-Mazzoli 09 dal titolo «Per una nuova stagione delle autonomie. Alessandro Mazzoli incontra gli amministratori locali del Lazio». La stessa e-mail era stata girata alla dipendente direttamente dal presidente, che a sua volta l’aveva ricevuta dal Comitato Bersani. È inammissibile che all’interno della Provincia, che dovrebbe rappresentare tutti, si utilizzino risorse umane ed energie per fare propaganda politica».