Messi, tre triplette in una settimana. Ma il Real senza Kakà non molla

A Saragozza ennesimo show dell'argentino nel 4-2 sulla Real (in gol anche Ibra su rigore). Al Santiago Bernabeu Merengues sotto col Gijon, poi Van der Vaart, Xabi Alonso e Higuain fanno 3-1: blaugrana e blancos sempre primi. Corsa Champions, ora il Maiorca 4° «vede» l'Europa

AI PIEDI DI MESSI. Erano quasi tutti d'accordo, quando il Pallone d'Oro si è fermato accanto ai suoi piedi di bambino. Ora anche i pochi scettici rimasti si sono ricreduti. Leo Messi sta vivendo un periodo di forma impressionante ed è il miglior calciatore del mondo. Dopo i tre gol rifilati allo Stoccarda nel ritorno degli ottavi di Champions, la Pulce centra una nuova tripletta, la terza consecutiva se si considera il tris segnato in Barcellona-Valencia della settimana scorsa. Vittima di giornata il Saragozza, che cede alla Romareda per 4-2. Da urlo, con tre dribbling secchi, il secondo centro dell'argentino, mentre il quarto sigillo lo timbra un impresentabile Ibrahimovic su rigore. Per Messi nono gol nelle ultime quattro gare di Liga; per il Barça vetta mantenuta, seppur in coabitazione col solito Real Madrid.
SENZA KAKÀ SI VOLA. L'eliminazione in Champions per mano del Lione nell'anno in cui la finale si gioca al Santiago Bernabeu pesa come un macigno sulla stagione del Real Madrid. Ma non impedisce alle Merengues di provare a strappare al Barça un titolo che quest'autunno sembrava impossibile. Nella bolgia casalinga, lo Sporting Gijon spaventa i Blancos. Che però si riprendono in dieci minuti nella ripresa. Prima Van der Vaart si aggiusta con un braccio la respinta del portiere su punizione di Ronaldo e sigla il pari. Poi Xabi Alonso corregge di testa a porta vuota un'altra incornata del portoghese. E infine Higuain fa 3-1 di sinistro dal limite. Con Kakà ancora fermo per la pubalgia, il Real continua a tenere la testa della Liga a braccetto con i blaugrana.
MAIORCA SOGNA. Se il terzo posto continua ad essere saldamente nelle mani del Valencia (2-0 sull'Almeria con Mata e Silva a fare le veci del bomber di Europa League Villa), al quarto si trova a sorpresa il Maiorca. I baleari, irresistibili in casa, demoliscono 4-1 l'Atletico Madrid e salgono a quota 46, superando il Siviglia. Dopo il ko contro il Cska Mosca, gli andalusi finiscono al tappeto anche contro l'Espanyol, che vince 2-0 grazie alla doppietta dell'ex attaccante di Fiorentina e Bologna Osvaldo. Alle spalle del Siviglia, quinto a quota 44, ecco l'accoppiata Deportivo La Coruña-Athletic Bilbao. I galiziani vengono sconfitti a sorpresa al Riazor con un secco 2-0 dal Valladolid in crisi, mentre i baschi vengono acciuffati in extremis al San Mames con il 2-2 del Getafe. Male il Villarreal, che cade a Malaga per 2-0, mentre in coda balzo in avanti del Racing Santander che esce dalla zona retrocessione con il successo sull'Osasuna al Reyno di Navarra. La sfida tra cenerentole Xerez-Tenerife vede vincitori gli andalusi padroni di casa per 2-1. I canari sono sempre più condannati alla Segunda, mentre lo Xerez centra una vittoria che comunque non può valere la permanenza in Primera.

Commenti