"Botti vietati". Ma a Milano per festeggiare il capodanno spunta una pistola

Quattro spari consecutivi per festeggiare la mezzanotte del 2022 nella Chinatown di Milano: è polemica per il video che circola in rete

"Botti vietati". Ma a Milano per festeggiare il capodanno spunta una pistola

La notte di San Silvestro a Milano è stata relativamente tranquilla per quanto concerne i botti, nonostante non siano mancati episodi gravi testimoniati anche dai video che circolano in rete. Sui social da qualche ora è stata pubblicata una breve clip ripresa nella via Paolo Sarpi di Milano, quella in cui è maggiore la concentrazione di cittadini cinesi nel capoluogo lombardo. Nota da tutti come Chinatown, questa strada ha festeggiato il capodanno in maniera piuttosto rumorosa, non solo coi botti ma anche con gli spari.

Nel brevissimo video, che dura pochi secondi, si vede un uomo che spara alcuni colpi in aria. In realtà non si tratta di una pistola ma di una scacciacani utilizzata più per il rumore che per altro. Tuttavia la clip sta facendo molto discutere per il gesto e perché, attorno a lui, si vedono molte persone che invece di intervenire riprendono la scena divertite. L'uomo non è stato ancora identificato ma è probabile che le forze dell'ordine diano seguito a un'indagine per individuarlo e sanzionarlo.

Infatti, in ottemperanza al "Regolamento per la qualità dell'Aria", approvato dal Consiglio comunale lo scorso anno, a Milano sono vietati botti e fuochi d'artificio, petardi, giochi pirotecnici e barbecue in occasione delle festività o, meglio, si tratta di una misura che vale sempre dal 1 ottobre al 31 marzo. Nelle intenzioni dell'amministrazione di Beppe Sala, è stato varato per ridurre il PM10, ossia le particelle inquinanti nocive per i polmoni dei milanesi e tutelare il benessere degli animali.

Al netto dell'episodio registrato a Chinatown, che per fortuna non ha avuto conseguenze su chi ha assistito, quella di capodanno 2021 è stata una notte tranquilla. Anzi, come sottolinea la centrale dei vigili del fuoco, tranquilla "come non si ricordava da tempo a Milano e nell'hinterland". Il 118 ha soccorso, da mezzanotte alle 6 di stamani, tre persone per leggere ferite o lievi ustioni, tutte accompagnate in codice verde al pronto soccorso. Anche gli incidenti sono stati senza gravi conseguenze.

I vigili del fuoco, dalle 20 alle 6, sono dovuti intervenire per un incendio in abitazione e per 13 principi d'incendio a balconi, quasi tutti dovuti ai botti, ma senza dover mettere in salvo nessuno. Un centinaio, in tutto, le uscite dei pompieri.

Alta l'attenzione sui botti ma in serata, alla luce dell'assenza di concreti pericoli, le forze dell'ordine dispiegate nelle zone periferiche della città sono state fatte convogliare verso il Duomo, dove la polizia è stata impegnata a evitare gli assembramenti.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica