Il centro di Milano diventa dormitorio per immigrati

I sacchi a pelo dei migranti sul prato: così si presenza piazza della Repubblica, nel cuore di Milano. Silenzio del Comune nonostante le segnalazioni

Il centro di Milano diventa dormitorio per gli immigrati con il sacco a pelo

Il degrado di Milano non riguarda solo le sue periferie, di cui sono ben note le condizioni. Il capoluogo della Lombardia, cuore pulsante dell'economia italiana e una delle città maggiormente visitate dai turisti nel periodo antecedente al Covid versa in uno stato di abbandono generalizzato come dimostra quanto accade nella centralissima piazza della Repubblica. Qui, a due passi da alcuni degli hotel più lussuosi di Milano, a breve distanza dai quartieri commerciali come Brera e il Quadrilatero della moda e in linea d'aria a una manciata di metri in linea retta dalla stazione Centrale bivaccano gruppi di migranti.

I cittadini hanno inviato svariate segnalazioni al Comune di Milano, che finora non è intervenuto per risolvere la situazione, che si fa di giorno in giorno più critica. Molti cittadini si sono rivolti anche a Silvia Sardone, consigliere comunale in forza Lega nonché deputata parlamentare in Europa, che ha effettuato un sopralluogo in zona per verificare di persona la situazione di piazza della Repubblica. "Sono ormai giorni che i residenti della zona di Piazza della Repubblica mi segnalano che decine di immigrati dormono sulle collinette nei giardini dell'area. In effetti le immagini sono eloquenti: decine di sacchi a pelo accanto agli hotel della zona", è il commento della leghista. Un biglietto da visita non propriamente adeguato per una città che sta cercando di risollevarsi dalla crisi economica post-Covid.

L'esasperazione dei cittadini è palpabile in questa zona: "Siamo in pieno centro e lo scenario di squallore, degrado e disagio sociale è inaccettabile. I residenti lo hanno segnalato anche al comando di polizia locale e al Comune". Nonostante le decine di chiamate fatte dai cittadini, da Palazzo Marino ancora nessuno ha fatto qualcosa per risolvere la situazione: "Purtroppo la giunta chiude gli occhi colpevolmente di fronte a questo spettacolo. Per loro questi bivacchi con decine di giacigli sono un segno di integrazione evidentemente. Chiediamo alla polizia locale di intervenire perchè le presenze stanno aumentando, suscitando insicurezza nei residenti".

Piazza della Repubblica è collegata alla stazione Centrale di Milano tramite un lungo vialone, via Vittor Pisani, un'elegante strada porticata ricca di negozi e di locali alla moda, dove quotidianamente decine di sbandati e senza tetto trovano riparo. Un'immagine poco edificante per Milano. "Tra la stazione Centrale e piazza della Repubblica ormai la situazione è veramente allarmante. Dove è finito il modello di accoglienza di Milano di cui il sindaco si vantava? Il degrado crescente è il marchio di fabbrica della giunta Sala che si disinteressa completamente anche di questi immigrati lasciati a bivaccare nelle strade della città", ha concluso Silvia Sardone.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti