Furti e rapine di orologi di lusso: così agiva la banda degli algerini

Agivano in gruppo ed erano considerati degli "specialisti" dello scippo. Rapinavano passanti e turisti in centro a Milano. I quattro arrestati sono tutti di origine franco-algerina

Furti e rapine di orologi di lusso: così agiva la banda degli algerini

Rapinavo passanti e turisti nel centro di Milano derubandoli di preziosissimi orologi da polso. Quattro algerini, di età compresa tra i 21 e 24 anni, sono stati arrestati dai poliziotti del commissariato Centro della città meneghina. Nel corso delle indagini relative a tre rapine commesse tra giugno e settembre, gli agenti della Polizia di Stato hanno rinvenuto e sequestrato 4mila euro, orologi, materiale fotografico e diversi indumenti utilizzati dagli indagati in occasione dei furti.

Le rapine

Le indagini sono partite a seguito di alcuni episodi avvenuti tra giugno e settembre. Il primo riguarda una rapina avvenuta ai danni un turista che passeggiava per le vie del capoluogo lombardo. Il malcapitato è stato avvicinato da quattro persone (verosimilmente gli algerini indagati) che, dopo averlo aggredito, gli hanno sottratto con la forza un orologio Richard Mille, modello Felipe Massa, del valore di circa 200mila euro. L'altro colpo messo a segno dalla banda di ladri stranieri risale, invece, allo scorso luglio. Due degli arrestati hanno pedinato per qualche chilometro una coppia di turisti. Certi di non essere osservati li hanno avvicinati con una scusa salvo poi afferrare con violenza il braccio di uno dei due e strappargli dal polso un orologio Hublot, modello Classic Fusion, del valore di circa 6mila euro.

Le indagini e l'arresto

Grazie ai filmati estrapolati dalle telecamere di sorveglianza cittadina, gli agenti sono riusciti a risalire alla identità dei responsabili delle rapine. I primi a essere intercettati, presso la rispettiva abitazione, sono stati il 22enne e il 24enne. Con loro viveva anche una donna che è stata trovata in possesso di un orologio di lusso sottratto da un terzo membro della banda, anch'egli di 22 anni, a una giovane turista. Il quarto componente della gang, un algerino di 21 anni, si trovava già in carcere per altri reati. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati anche un orologio Richard Mille, modello Felipe Massa, probabilmente falso, un cronografo Maurice Lacroix, 6 smartwatch Garmin di grande valore, due obbiettivi reflex marca Sony, oltre a 4mila euro in contanti e diversi vestiti utilizzati dagli indagati in occasione dei furti e delle rapine.

Commenti