Idroscalo da 10 anni quartier generale dei cani "supereroi"

Compie trent'anni la scuola di salvataggio che addestra i migliori esemplari del mondo

Sfidano le correnti di fiumi, il mare mosso, le onde degli oceani e salvano vite. Da 30 anni i cani della Sics, la Scuola italiana cani salvataggio sono tutto questo e ben altro. Sono 400 i super eroi a quattro zampe in servizio sulle spiagge italiane che, insieme ai loro conduttori e in collaborazione con il comando generale della Guardia costiera, sono abilitati a soccorrere le persone in pericolo, spingendosi fino a 300 metri dalla riva e lanciandosi nei casi più difficili addirittura dagli elicotteri.

Ecco perché sono soprannominati «flying dogs», cani volanti. La Sics è una realtà unica in tutto il mondo, che ha il suo quartier generale proprio all’Idroscalo da dieci anni infatti, lo specchio d'acqua alle porte di Milano è la base operativa dell'associazione, la sede dove vengono effettuati i percorsi di addestramento di altissimo livello e dove si formano tutte le unità che prestano soccorso in Italia.

«Siamo contenti che all'Idroscalo, un'area verde di 1,6 milioni di metri quadrati di cui 850mila d'acqua, trovi la sua sede operativa anche la Sics - spiega la vice sindaca metropolitana Arianna Censi - L'associazione trova all'Idroscalo la sua casa ideale per l'allenamento, svolgendo anche la sua attività concreta al servizio dei cittadini. Invito tutti gli appassionati e curiosi a visitare il parco per vedere la squadra in azione».

Grazie a un accordo con il comando generale delle Capitanerie di porto, addestratori e gli stessi amici a quattro zampe, durante il periodo estivo, sono attivi in tutte le regioni italiane, dal Friuli alla Sicilia, dalla Sardegna alla Liguria, passando per il Lago d'Iseo, il Lago Maggiore e il Lago di Garda, con 13 scuole certificate, i cui operatori sono stati formati proprio nelle acque del mare di Milano. «Un percorso di addestramento di altissimo livello che accoglie sia il cucciolo appena vaccinato, sia il cane adulto per la durata di un anno e mezzo e che termina con un brevetto, annualmente rinnovabile». Spiega Ferruccio Pilenga, presidente e fondatore dell'associazione che «gli esemplari che addestriamo sono normalmente di media-grande taglia, considerando che forza e resistenza, soprattutto nelle situazioni più critiche, diventano fondamentali. Il terranova, come anche il labrador e il golden retriever sono le razze da salvataggio per eccellenza. Riescono a portare fino a sei persone a riva, sentono la corrente e possono nuotare per due chilometri senza sentire fatica».

Ma il lavoro delle unità cinofile non finisce qui. Da tre anni i cani super eroi entrano negli ospedali milanesi, come il Buzzi, la Clinica De Marchi, il San Raffaele, per far visita ai bambini degenti. «Il nostro motto in questo caso è Quando esci, ti aspettiamo in spiaggia. I piccoli pazienti, una volta usciti dall'ospedale, vengono invitati periodicamente all'Idroscalo per vivere un pomeriggio con questi animali fantastici e far loro assistere a qualche dimostrazione».

Ed è proprio con i bambini che il cane riesce a tirare fuori l'istinto di protezione, senza nemmeno doverglielo chiedere. «Il ricordo del salvataggio più bello risale a quando ancora non ero presidente Sics.

Il mio terranova di un anno e mezzo si lanciò in acqua per salvare mia figlia che non sapeva ancora nuotare bene. Non insegnai nulla a lui, ma lui a me tutto».

Valentina Gioia

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.