M4, San Babila tutta pedonale

Piste, 70 alberi, Ztl: ecco come cambierà il centro

Una maxi area pedonale che dal Duomo, attraversa corso Vittorio Emanuele e piazza San Babila, si allunga fino a largo Augusto e, attraverso la riqualificazione di piazza Santo Stefano, arriva fino all'area «car free» dell'Università Statale, tra via Festa del Perdono e largo Richini. É la trasformazione della zona San Babila-largo Augusto a cui puntano Comune e società M4 dopo la realizzazione della linea blu della metropolitana. Un invito a guardare oltre i cantieri che accompagneranno i residenti ancora per anni. Più spazio a pedoni, verde, biciclette, trasporto pubblico e taxi. D'altra parte quando la M4 permetterà di arrivare in 15 minuti dall'aeroporto di Linate e proseguirà a sud verso zona Sant'Ambrogio e Solari fino a San Cristoforo, il traffico si alleggerirà parecchio. L'assessore alla Mobilità Marco Granelli e il presidente di M4 Fabio Terragni hanno mostrato ieri in anteprima i rendering ai consiglieri del Municipio 1 e alle associazioni di commercianti e cittadini. «Il restyling dell'area riprende anche il progetto del 1996 di Caccia Dominioni - spiega Granelli- agevolando le connessioni fra linee di superficie e metrò oltre che con i taxi». L'ampliamento dell'area pedonale consente di collegare i due lati di piazza San Babila e estendere l'area a piedi fino a largo Toscanini creando un percorso riservato lungo corso Europa che, con la creazione di una Ztl, sarà accessibile solo a trasporto pubblico, taxi e carico/scarico. Corso Europa avrà una pista ciclabile e sarà a senso unico di marcia nel tratto tra via Borgogna e il parcheggio di largo Corsia dei Servi e tra via Cavallotti e largo Bersaglieri. Taxi e mezzi privati potranno usare Borgogna per la manovra «torna indietro». Il Comune propone invece di chiudere al traffico i due corselli laterali di largo Augusto garantendo però alle auto la continuità dell'itinerario via Cesare Battisti-via Cavallotti-corso Europa-via Larga e mantenendo la svolta a sinistra da largo Bersaglieri a via Verziere. I progetti prevedono nuova pavimentazione in cubetti di granito nazionale posati in file parallele in continuità con largo Toscanini, corso Europa e largo Bersaglieri, Verziere e largo Augusto. Largo Toscanini avrà una pavimentazione a raso con nuove alberature e accesso consentito solo a mezzi pubblici e taxi. Settanta nuovi alberi a fine lavori sull'area, «che ricordino gli ombrelloni tondi del vecchio mercato» da largo Bersaglieri a largo Augusto. E l'emergenza Covid ha tenuto fermi i cantieri e causato pesanti ricadute alla società M4. La giunta ha accolto la richiesta di pagare acconti mensili pari al 95% dei lavori in modo da garantire liquidità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

tiromancino

Gio, 21/05/2020 - 16:41

E questi sono voti per la prossima tornata elettorale,la zona 1 sarà probabilmente importante per l'elezione del sindaco

Nico_ita

Ven, 22/05/2020 - 12:08

Mi sembra una pessima idea, come al solito , da residente in zona, sono radicalmente contrario. Faccio notare che i marciapiedi l'arredo e il decoro urbano della zona Guastalla Battisti S. Stefano sono in condizioni pietose, è meglio che il Comune si occupi di manutenere bene l'esistente piuttosto che creare altre inutili zone pedonali che peraltro renderanno peggiore la situazione viabilistica già critica. Da ultimo faccio notare che il granito ciotoli e porfido bianco sono materiali alieni alla storia milanese , sarebbe meglio usare pavè e porfido rosso come da tradizione . Purtroppo siamo in mano a gente che ragiona solo per slogan e non ha senso pratico (oltre che del ridicolo).