Milano, paziente Covid scappa dall’ospedale

Uscito dal Fatebenefratelli, il 67enne è stato ritrovato nel quartiere di Brera. Si tratta del secondo caso

A Milano, un paziente Covid è scappato dall’ospedale dove era ricoverato. Non è la prima volta che avviene un fatto simile.

Paziente in fuga dal Fatebenefratelli di Milano

Ieri la fuga sarebbe avvenuta dall’ospedale Fatebenefratelli e l’uomo, un 67enne, sarebbe stato ritrovato nel quartiere di Brera. Secondo quanto riportato da il Giorno, l’evasione sarebbe durata fortunatamente poco. Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di ieri, mercoledì 18 marzo, quando un paziente, ricoverato a Milano in regime Covid-19, sarebbe uscito in modo volontario dalla struttura ospedaliera per poi allontanarsi. Ancora non è chiaro se l’uomo si trovasse in ospedale perché affetto da coronavirus o se si tratti di un caso sospetto in attesa della conferma o meno del tampone.

Scattato subito l'allarme

Appena gli operatori sanitari si sono accorti di quanto era avvenuto hanno immediatamente fatto scattare l’allarme avvisando le forze dell’ordine. La centrale operativa ha quindi inviato una pattuglia nella zona con tanto di descrizione del fuggiasco, diramata anche a polizia locale e carabinieri. Da quanto emerso si sarebbe trattato di un 67enne, alto circa 1 metro settanta, con giacca blu e una ferita sulla fronte. Poco dopo una macchina della polizia avrebbe individuato l’uomo, facilitata anche dalla mancanza di turisti e cittadini in giro. L’uomo si trovava seduto per terra nel quartiere di Brera. La conferma che si trattava proprio del fuggitivo è arrivata dal 118 in pochi secondi.

Non è la prima volta che accade

Circa una settimana fa, per la precisione lo scorso 11 marzo, sempre a Milano, era stato un 52enne a scappare dal Policlinico. L’uomo, oltre a soffrire di una forma di depressione, si trovava in isolamento per il coronavirus. Quella volta si era sfiorata la tragedia. L’uomo infatti era intenzionato a farla finita gettandosi sotto i vagoni della metropolitana gialla, alla fermata Crocetta, vicina all’ospedale. Il personale Atm si era accorto in tempo della sua presenza sui binari ed era riuscito a evitare il dramma. Il tentato suicida si era quindi dato nuovamente alla fuga, seppur ferito alla testa.

In serata però era stato notato da due equipaggi del pronto intervento, uno in macchina e uno in moto, mentre si trovava all’angolo tra via Santa Sofia e via Sforza. Con tutti i dispositivi di protezione individuale possibili, era stato bloccato e riportato al Policlinico a bordo di un’ambulanza.

Anche al Sant'Anna di Como un 71enne in isolamento aveva pensato bene di darsi alla fuga, prendendo un taxi. L'anziano si trovava in isolamento per Covid-19. In quarantena era finito poi anche il povero tassista. Il lavoro delle forze dell’ordine in questo difficile momento è particolarmente arduo. Non solo devono controllare cittadini che escono di casa senza particolari motivi, ma anche recuperare pazienti che scappano dalle strutture ospedaliere in cui sono ricoverati.

Segui già la pagina di Milano de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ruggerobarretti

Gio, 19/03/2020 - 17:05

Con la perdurante ed ossessiva campagna di terrorismo mediatico troppe cose gravi succederanno da qui a poco.

vocepopolare

Gio, 19/03/2020 - 18:10

bisogna rendersi conto che gli italiani ,in particolar modo quelli che enunciano di credere nella giustizia, non hanno alcuna fiducia nella giustizia e nel sistema giudiziario ,pertanto non si sentono garantiti e cercano soluzioni personali anche se illogiche.Le fughe dagli ospedali, il menefreghismo delle regole ,l'abbandono del minimo comportamento logico per la propria salute sono problemi evidenti a cui lo stato deve rispondere con forza. Bene ha fatto il governo ad inviare l'esercito in Campania ed in Sicilia ottemperando alla richiesta dei governatori, ma purtroppo dobbiamo segnalare di aver assistito in tv alla sparata di una partecipante che si diceva "preoccupata per la democrazia". A noi invece la democrazia ci preoccupa non per l'esercito nelle strade ma per i deficienti che se ne fregano delle regole e della ns salute.

ruggerobarretti

Gio, 19/03/2020 - 18:44

La giornalista a cui allude voce popolare a mio modo di vedere non ha fatto nessuna sparata. Ha semplicemente posto all' attenzione l' illogicità di chi sostiene la pericolosità di passeggiare/ correre/ muoversi in solitario e magari lontano da tutto e tutti.

vocepopolare

Ven, 20/03/2020 - 12:15

@ruggerobarretti...".troppe cose gravi succederanno da qui a poco" ma cosa NON deve succedere dopo quello che sta succedendo in lombardia? e poi alla giornalista che all'annuncio dell'esercito inviato nel sud si dice preoccupata per la democrazia cosa si dovrebbe rispondere? "forza italiani siamo in democrazia e freghiamocene delle regole?"