Il ministro Alfano invia i «rinforzi»: 140 agenti in città

Il giorno dopo i funerali delle tre vittime di Niguarda, Angelino Alfano risponde alla rabbia e alla paura dei milanesi con i fatti. Il ministro dell'Interno ieri pomeriggio ha disposto l'invio di 140 uomini delle Forze dell'ordine «per intensificare il controllo del territorio». Il sindaco Giuliano Pisapia anche dopo le picconate del ghanese Kabobo ha continuato a rifiutare la richiesta del Pdl di avere di nuovo sul territorio i militari. «Solo per il controllo degli obiettivi sensibili» ha ribadito nei giorni scorsi. Il ministro Alfano ha risposto invece subito con l'invio dei rinforzi: «Ho disposto l'invio immediato di 140 unità» ha comunicato. Questo «a garanzia dei cittadini lombardi che possono e devono contare, specialmente dopo i gravissimi fatti recenti, su una maggiore presenza dello Stato, che si traduce concretamente in una serie di interventi pronti e mirati». É «un'ottima notizia» per il governatore Roberto Maroni, aggiunge però che « deve essere una cosa permanente» e «la prevenzione non può essere centrata solo su Milano ma deve riguardare tutta la Lombardia». Ringrazia anche Pisapia («da tempo chiudevo più agenti») ma la tempestività oggi metterà ancora più in imbarazzo oggi il sindaco: la seduta del consiglio comunale sarà sul tema della sicurezza. Il Pdl presenterà un ordine del giorno per il ritorno dei militari.

Commenti