"Nessuna ambiguità sulle proteste no vax. Dialogo con Regione"

Il neo assessore alla Salute e al Welfare: "Molti esperti ci stanno offrendo aiuto"

"Nessuna ambiguità sulle proteste no vax. Dialogo con Regione"

Classe 1974, consigliere comunale da dieci anni e presidente dell'aula negli ultimi 5, Lamberto Bertolè - terzo più votato nella lista del Pd - è il neo assessore al Welfare e alla Salute.

La delega alla Salute non c'era dai tempi della Moratti.

«É giusto che il sindaco l'abbia prevista e tenuta insieme al Welfare, benessere e cura della persona devono avere un approccio integrato».

Dopo la pandemia, serve a dare più voce al Comune sui temi sanitari?

«La lezione del Covid ci ha dimostrato come la sanità territoriale sia fondamentale, e il Comune deve giocare una partita visto che conosce più da vicino i bisogni dei cittadini. Serve un maggiore dialogo con la Regione. Il Pnrr prevede case di comunità? Vogliamo dire la nostra sui luoghi dove collocarle, e serve un sistema di assistenza domiciliare adeguato ai bisogni».

Ha già sentito l'assessore regionale al Welfare Letizia Moratti?

«Aspetto di entrare in funzione al cento per cento, a breve firmerò l'accettazione dell'incarico e farò tutti gli incontri del caso. Il mio approccio sarà approntato a costruire alleanze con tutti gli attori pubblici e le realtà cittadine, la sfida del Welfare si costruisce insieme. Dialogheremo e poi dovremo tutelare i bisogni della città, quindi terremo il punto laddove necessario».

Ogni settimana si intensificano le proteste dei no vax. É preoccupato?

«Innanzitutto va ribadita con forza l'importanza dei vaccini e del green pass come strumento per uscire dalla pandemia, per riprendere la vita personale e professionale in maniera ancora più veloce. Sulle proteste no vax, si è scatenata una dinamica di strumentalizzazione anche da parte di frange estremiste e mi aspetto che tutte le forze politiche le condannino molto chiaramente».

Ci sono stati episodi più violenti ma la partecipazione ai cortei è massiccia ed eterogenea, come lo spiega?

«C'è una miscela di motivazioni diverse, risentimento e rabbia sociale oltre al tema del vaccino in sè. Dobbiamo insistere e spiegare l'importanza dei vaccini per tutelare ripresa e salute, e chi ha ruoli pubblici deve dare forza al piano senza ambiguità e senza strizzare l'occhio ai no vax».

Partendo dalla delega alla Salute, quali saranno i suoi primi passi?

«La Sanità è competenza regionale ma il sindaco è il responsabile della salute dei cittadini, per questo è importante avere più voce in capitolo. Vogliamo che a Milano ci sia una medicina di territorio più vicina alle persone, in alcuni quartieri mancano medici di base, è un problema da risolvere e va rafforzata l'assistenza domiciliare. Molti esperti si stanno mettendo a disposizione del Comune».

E sul Welfare?

«Abbiamo un sistema del terzo settore straordinario da coinvolgere, serve un grande lavoro di squadra per un sistema di welfare efficace e innovativo, che esca dagli ambiti più ristretti dei servizi sociali e coinvolga cultura, sport, educazione. Dobbiamo impostare il nuovo piano triennale dei servizi sociali, ci porterà a confrontarci in fretta sulle strategie».

La pandemia ha scatenato anche un'emergenza giovanile. Cosa potete fare?

«Dobbiamo accorgerci del disagio giovanile non solo quando i giovani trasgrediscono ma anche quando si ritirano, il tema drammatico dell'aumento del disagio tra gli adolescenti in questi due anni esiste e la città ha gli strumenti per rispondere anche a loro».

Commenti