Cronaca locale

Non solo auditorium: le orchestre invadono i musei e gli hangar

Dopo Sciarrino, live nel weekend alla Bicocca La musica in galleria ora piace sempre di più

Non solo auditorium: le orchestre invadono i musei e gli hangar

Quanti luoghi «diversi» dedicati alla musica a Milano. Non ci sono più solo teatri, palcoscenici e auditorium. L'occasione di (ri)parlarne la «offre» nuovamente un altro concerto contemporaneo del Festival Milano Musica quest'anno dedicato al compositore siciliano Salvatore Sciarrino, star mondiale del suo genere e nel 2016 Leone D'Oro alla Biennale di Venezia.

I «live» in questione - sabato sera e domenica pomeriggio (in cartellone «I mille fuochi dell'universo» degli /nu/thing e «Guai ai gelidi mostri» di Luigi Nono con Mdi ensemble) sono in programma al Pirelli Hangar Bicocca, che ha già ospitato l'esordio della rassegna, con un evento mastodontico come il sito stesso: tra i brani «Studi sull'intonazione del mare» di Sciarrino stesso, con quasi duecento strumentisti tra fiati, percussioni e voce recitante. Spettacolare. L'Hangar - talmente grande da poter ospitare una nave - con i suoi «Sette palazzi celesti» firmati dall'artista Anselm Kiefer - è uno dei siti più graditi per gli eventi spettacolari magari legati - visto il posto particolarmente suggestivo - a performance e show moderni. E ancora.

Un altro luogo appena riscoperto sono i nuovi spazi messi a disposizione nella Fabbrica del Vapore, dove il 31 ottobre al Contemporary music hub ci sarà un recital del mdi ensemble dal titolo «Tra parole e suoni». Chi cerca situazioni diverse per godersi un evento sonoro, ma non solo, da tenere presente le programmazioni del Museo del Novecento che spesso ospita eventi di associazioni in campo per la musica forte. Il 5 novembre nella sala arte povera in «live» pomeridiano nell'ambito di JazzMi un trio alla prese con un recital improvvisativo che vuole essere un omaggio alla contemporaneità nell'arte. Il 7 nello stesso luogo invece «Il cammino della voce»: ciclo di concerti dedicati alla vocalità da camera dall'Ottocento in poi.

L'elenco è lungo, ci sono appuntamenti al Gam, alla Pinacoteca di Brera (con gli allievi della Scuola Civica di Musica Claudio Abbado) negli ex bagni pubblici Cobianchi, al museo del Risorgimento, al club Santeria (evidenziato in epoca di Piano city), gli spazi Tadini e Sirim, dulcis in fundo Base. Il pubblico pare apprezzare sempre di più la musica in galleria, soprattutto quella di ricerca che - è stato ampiamente notato - funziona maggiormente quando a volte si sposa con le arti visive o viene proposta in grandi ambienti.

Commenti