Le oasi dove far giocare i cagnolini

Ai giardini «Montanelli» una zona dedicata anche all'addestramento

Valentina Gioia

Una città a misura di cane. Negli anni Milano ha aumentato la sua fama di metropoli moderna aperta proprio a tutti. E non si parla solo di essere umani. Sempre più alberghi sono attrezzati per ospitare anche i nostri amici a quattro zampe e sempre più locali offrono servizi «pet-friendly». Chi rimane in città con il proprio amico, avrà tante possibilità da sfruttare.

Quest'anno la parola chiave è mobility. Ai giardini pubblici Indro Montanelli, lo scorso aprile è stato inaugurato il «Mobility Park»: uno spazio pensato per il divertimento e l'attività fisica dei cani. L'area, dotata di sette strutture per il gioco e l'addestramento dei cani, dà un nuovo concetto di passeggiata. Un'operazione simile a quella che è stata compiuta alcuni mesi fa al parco Sempione: la nuova area cani «Acquario» inaugurata il 12 novembre, con tanto di kit soccorso canino. L'appuntamento all'Idroscalo è un vero e proprio must per chi vuole passare del tempo con il proprio fido. Relax al sole, il verde del parco e la calma dello specchio d'acqua, non sono gli unici elementi a far sì che il mare milanese sia il luogo perfetto per i nostri amici a quattro zampe.

Sulla sponda Est, infatti, sono sorte due aree per cani complete di panchine, cestini e gazebo. Una di queste si trova nei pressi della riva ed è l'unica in cui è consentito ai nostri amici di rinfrescarsi in acqua. L'altra, un'area che si estende per 1500 metri quadrati nel bosco, permette agli animali una zona d'ombra in cui potersi riposare dopo una bella galoppata. Sempre all'Idroscalo un'altra area, il «Dog's Village», una vero e proprio villaggio canino che promuove attività e d eventi di aggregazione e gioco per gli animali e i loro padroni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.