Reddito di cittadinanza: la pista dei furti d'identità coinvolge dieci nomadi

Dopo il caso della donna arrestata alle Poste di Renate, indagini a tappeto dei carabinieri

Le indagini si prospettano lunghe, gli interrogativi molteplici, gli accertamenti complessi. Al momento non sarebbero più di una decina e riguardano tutti persone di etnia rom i casi di furti d'identità allo scopo di ottenere il reddito di cittadinanza - la misura pensata dal precedente governo per sostenere i cittadini in difficoltà economiche, che si trovano al di sotto della soglia di povertà - su cui i carabinieri della compagnia di Seregno e del comando provinciale di Monza indagano. A preoccupare gli investigatori tuttavia sarebbe il sommerso, la realtà sconfinata che potrebbe rivelarsi in seguito alle verifiche che hanno messo in atto.

Tutto è cominciato una decina di giorni fa, quando una rom romena di 44 anni in Italia senza fissa dimora e pregiudicata per reati contro la legge sull'immigrazione, accompagnata da un bambino di 11 anni, si è presentata agli sportelli dell'ufficio postale di Renate per ottenere la carta elettronica del reddito di cittadinanza per la quale aveva già presentato istanza all'Inps e ottenuto il codice pin per il ritiro. Il suo atteggiamento un po' incerto ha subito allarmato però gli impiegati che, per vederci chiaro, hanno chiamato i carabinieri della stazione di Besana in Brianza. Sono stati loro, i militari dell'Arma, a scoprire così che tutta la documentazione presentata dalla romena era completamente falsa: la carta d'identità, l'attestazione di soggiorno permanente per cittadini dell'Ue e persino il codice fiscale. La donna è stata così arrestata per tentata truffa, possesso e fabbricazione di documenti d'identità falsi, quindi è stata denunciata per falsa attestazione e falsa dichiarazione a pubblico ufficiale. Il ragazzino che era con lei aveva addosso la vera carta d'identità della romena. Che è stata processata per direttissima il giorno successivo e scarcerata con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e rinvio al 25 maggio.

Proprio partendo da qui e approfondendo il contesto criminale si è scoperto così che ci sarebbero almeno altri dieci casi di questo genere, tutti a carico di rom che, in Brianza, con lo stesso metodo, purtroppo hanno avuto successo e sono riusciti a ottenere il reddito di cittadinanza. L'Arma dei carabinieri starebbe quindi cercando di comprendere cosa ci sia dietro veramente. Per questo gli investigatori hanno chiesto all'Inps e all'Agenzia delle entrate di chiarire passo per passo i passaggi della procedura per ottenere il reddito di cittadinanza e verificare se all'origine ci possano essere dei mancati controlli o se il sistema possa avere in qualche modo delle falle attraverso le quali si possa ottenere il sussidio pur non possedendo i requisiti.

Il problema di fondo resta comunque il furto d'identità. Con un documento falso di buona fattura, che dia diritto a un codice fiscale si può ottenere, anche con la semplice autocertificazione, il nulla osta dall'Inps che poi invia al numero di telefono un sms con il codice della pratica da presentare all'ufficio postale. Troppo facile? I carabinieri starebbero controllando che sia proprio così o comunque quale possa essere l'anello debole che permette ai truffatori di raggirare il sistema. E una volta accertata la tecnica, batteranno a tappeto tutti gli uffici postali della zona.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Mar, 16/02/2021 - 10:12

L'inarrivabile capacità della sinistra di agevolare l'illegalità...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 16/02/2021 - 10:22

Altre che RdC qui ci voleva il Reddito di Stranieranza ... con tutti quegli ospiti che abbiamo vogliamo fare gli schizzinosi?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 16/02/2021 - 10:24

Ah, già, dimenticavano, gli intelligentoni di sinitra 5S, oltre che fornire il rdc a mafiosi, delinquenti, clandestini, spacciatori, abusivi, lavoratori in nero, avevano previsto anche i rom. Ora il piano (e lo sperpero) è completo.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Mar, 16/02/2021 - 10:27

REDDITO DI CITTADINANZA = VOTO DI SCAMBIO

Ritratto di Italia_libera

Italia_libera

Mar, 16/02/2021 - 10:33

RDC una piaga italiana! Un partito che per legge puo' benissimo truffare lo Stato italiano.

27Adriano

Mar, 16/02/2021 - 10:37

..ringraziamo Mr congiuntivo of maio!!

Ritratto di Italia_libera

Italia_libera

Mar, 16/02/2021 - 10:38

RDC! SI preferisce regalare dei soldi senza ragione, e tenere le persone a lavorare, togliendo quota 100 per impinguare con le tasse di essi questo reddito dei truffatori! CONTROLLI CONTROLLI ASSIDUI. IMPRONTE DIGITALI AL MOMENTO DELLA RICARICA MENSILE! No automatismi!

Romalupacchiotto

Mar, 16/02/2021 - 10:44

Stirpe 5 stalle bravi bravissimi nel concedere tutto a chi froda tutti i giorni, e gli italiani pagano le tasse!!! E mi chiedo il ruolo di controllo dell'Inps dove e'?????

Enne58

Mar, 16/02/2021 - 11:18

Il reddito di cittadinanza è servito solo per avere consensi usando soldi pubblici. Controllare a chi sarebbe andato era superfluo, anche perché se si controllava parecchi non lo avrebbero avuto, quindi voleva dire meno consensi. Inoltre è stato un modo per dare ulteriori aiuti all'assistenzialismo del meridione. Non dimentichiamoci dove il M5S ha preso tanti voti dopo l'annuncio di questa "misura"

uberalles

Mar, 16/02/2021 - 12:17

Un grazie di cuore a Giggin'o bibbitaro, al buffone Grillo ed a tutti i M5S per l'impegno profuso nella rovina del Paese. Difficile fare peggio, forse l'atomica...

carpa1

Mar, 16/02/2021 - 13:10

Giorgio5819 Mar, 16/02/2021 - 10:12 - L'inarrivabile capacità della sinistra di agevolare l'illegalità.. Nulla di più vero; ormai da tempo, in questo paese sinistrato, è più facile ottenere agevolazioni e regalie varie per vie "traverse ed illegali" che non seguendo l'iter legale dettato da una burocrazia arricchita sempre più da politici idioti e che, oltretutto, non prevede il più elementare controllo proprio là dove si annidano le truffe (come se nessuno sapesse già dove!).

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 16/02/2021 - 13:59

@Italia_libera, volevo dire le stesse cose. Almeno per la quota 100 se la sono meritata, visto che tanti statali sono andati in pensione con 19 anni 6 mesi ed 1 giorno.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 16/02/2021 - 14:01

Bisognerebbe premiarli questi zelanti impiegati che fermano queste truffe.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 16/02/2021 - 14:06

Avete notato? Processata e scarcerata. Il motivo che vengono tutti in Italia a delinquere e truffare, lo avete sotto mano, il perchè. In carcere e lavori forzati, 10 volte il danno provocato. Forse gli onesti andranno in pensione a 50 anni. Fate lavorare loro e mantengono noi no viceversa.