Ritorna la maratona. Ecco le strade chiuse e i mezzi Atm deviati

Il via domani mattina da Corso Venezia: sulle strade 18mila atleti per 42 chilometri

Ritorna la maratona. Ecco le strade chiuse e i mezzi Atm deviati

Si torna a correre. Torna la maratona di Milano. Edizione numero venti, tanto attesa anche perché sarà il primo grande evento sportivo di massa in città dopo la pandemia. Si torna a correre con 18mila atleti che domani mattina attraverseranno per 42 chilometri e 195 metri la città sperando nella tolleranza di chi dovrà fare i conti con qualche inevitabile limitazione al traffico che, assicurano gli organizzatori, saranno le meno invasive possibile.

«La Milano Marathon è un evento sportivo di rilevanza internazionale e ha sempre dedicato grande attenzione alla sostenibilità, tanto da poter vantare dal 2013 il riconoscimento di prima maratona in Europa a ricevere la certificazione Resport, un certificato sulla sostenibilità ambientale e sociale - spiega una nota del Comune -. Per consentire lo svolgimento della gara, domani 3 aprile sono programmate limitazioni per le auto e deviazioni dei mezzi pubblici. L'area intorno a corso Venezia, da dove partiranno i maratoneti, sarà interdetta al traffico dalle 5 del mattino per tutta la durata dell'evento e sarà chiusa anche la fermata di via Palestro della metropolitana. Successivamente saranno chiuse le aree intorno al percorso della gara, che si snoderà per i primi dieci chilometri nel centro storico, nel quale è previsto anche l'arrivo, e poi nella zona tra Parco Sempione e Fiera Milano City. Per il resto del percorso saranno invece chiuse alle auto solo le vie in cui si svolgerà la maratona, che saranno riaperte successivamente al passaggio dei runner».

Quella di domani sarà la ventesima edizione della 42km milanese. Una sfida che si è ritagliata uno spazio importante nel calendario mondiale grazie anche ai risultati cronometrici da record che ne fanno una delle 42 km più veloci in circolazione e al numero sempre crescente di partecipanti con atleti internazionali di primo piano. Quest'anno si torna alla normalità con la gara aperta anche agli amatori e con la raccolta fondi legata alla «relay», la gara a staffetta, che vedrà al via oltre 3mila squadre e che in questi anni ha contribuito alla crescita di tutto il movimento del running attirando oltre 100mila maratoneti, 90mila staffettisti e 50mila ragazzi.

«Anche quest'anno per tutti i partecipanti saranno disponibili il biglietto giornaliero o due titoli di viaggio ordinari grazie alle agevolazioni previste dal Comune di Milano - spiega Palazzo Marino -. In linea con la consuetudine diffusa nelle maggiori maratone internazionali che offre la possibilità di spostarsi gratuitamente con i mezzi pubblici, disincentivando l'utilizzo dell'auto».

Commenti