Sparatoria in strada: due albanesi ammazzati per regolamento di conti

Far west nel quartiere di Bruzzano: regolamento di conti tra bande rivali

Due extracomunitari freddati e uno gravemente ferito. I cadaveri ritrovati riversi in due strade diverse, anche se la sparatoria sarebbe avvenuto in piazza Giustino Fortunato. Il blitz alle nove di sera nel quartiere di Bruzzano. E Milano diventa, per l'ennesima volta, il palcoscenico di una carneficina che riporta l'emergenza sicurezza all'attenzione dei media. A poco meno di tre ore dall'agguato, avvenuto poco prima delle 21, un uomo di origine albanese è stato fermato dai carabinieri: potrebbe trattarsi del presunto killer.

La sparatoria e l'inseguimento nel raggio di oltre un chilometro. E la periferia est del capoluogo lombardo si tinge nuovamente di sangue. Tutto ha inizio in piazza Giustino Fortunato. Tre persone, che probabilmente si conoscevano tra loro, hanno un appuntamento. Forse è una trappola tesa dall’uomo che, appena arriva a bordo della sua Opel, comincia a sparare. Decine i colpi d’arma da fuoco esplosi durante il blitz, secondo quanto hanno riferito alcuni testimoni, i clienti di un ristorante della zona. Il primo a cadere è un albanese di 41 anni: due proiettili lo raggiungono alla schiena e uno alla testa. Muore sul colpo, di fronte all’ingresso dell’ospedale Galeazzi. Gli altri due cercano di fuggire, ma vengono a loro volta colpiti, probabilmente dopo un breve inseguimento. Un uomo, un 37enne di origine africana, si accascia in via Marna. Quando i soccorritori del 118 lo ritrovano è ancora vivo, ma l’agonia dura poco minuti. Muore prima di essere caricato sull’ambulanza.

Risulta invece ferito, e non sarebbe in pericolo di vita, un altro albanese, colpito da un proiettile all’addome. Recuperato dai soccorritori in via Angeloni, l’uomo viene trasferito all’ ospedale Fatebenefratelli, dove viene operato d’urgenza. La sua testimonianza sarà fondamentale per ricostruire il blitz di sangue costato la vita a due persone. I carabinieri bloccano molte delle strade di accesso a piazza Giustino Fortunato e danno il via a una vera caccia all’uomo. Secondo alcune testimonianze, il killer sarebbe fuggito a bordo di una Opel. Il presunto omicida viene rintracciato e fermato poco prima delle 23.30 e portato in caserma. Nel corso delle indagini bisognerà capire se l’uomo abbia agito da solo o con almeno un complice.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di sitten

sitten

Ven, 19/09/2014 - 01:33

Compagna Boldrini, questi fanno parte di quella ricchezza extracomunitaria (di stronzate) che fanno bene all'Italia.

maurizio50

Ven, 19/09/2014 - 06:09

Questa e' la Milano che piace ai buonisti di casa nostra, in prima fila compagni e preti:delinquenti di ogni razza, lingua e religione, liberi di trasformare l'Italia nel palcoscenico delle loro scorrerie. Sempre grazie alla sinistra per aver annientato la nazione italiana ed aver introdotto qui da noi il bengodi dei delinquenti mondiali!grazie anche ad Alfano il più' inutile ministro dell 'interno della Repubblica.!

giovauriem

Ven, 19/09/2014 - 08:19

no! sparatoria a milano, ma queste cose non succedono solo al sud? anche voi, presunti padani, avete il vostro rione traiano: buffoni, voi e il vostro caro sindaco e presidente della regione

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 19/09/2014 - 08:45

Chi paga le spese del ricovero in ospedale ? E' vero che quei/quel delinquente che ha sparato poteva colpire un eventuale passnte che in quel momento faceva una passeggiata per strada?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 19/09/2014 - 23:41

Questa è la Milano di Pisapia sindaco di sinistra. Complimenti a chi l'ha votato. Complimenti alla “BATTAGLIA DI CIVILTÀ E PROGRESSO” che i trinariciuti continuano a ostentare da bravi cialtroni quali sono.