TuttoFood, cibo e cultura alimentare e Milano è golosa con la Food City

Tutte le novità dell'edizione 2019 del salone internazionale dell'agroalimentare che di tiene in Fiera Milano dal 6 al 9 maggio. In città una settimana di eventi: talk, percorsi, incontri, arte, degustazioni, esperienze gastronomiche e culturali dal 3 al 9 maggio. Torna l'iniziativa solidale #piusiamopiùdoniamo

TuttoFood e Milano Food City, due grandi appuntamenti nel polo espositivo di Fiera Milano e in città: il salone internazionale del food&beverage organizzato da Fiera Milano nel polo espositivo di Rho dal 6 al 9 maggio e la settimana dedicata al cibo e alla cultura alimentare che animerà Milano, in concomitanza con TuttoFood, partner di Food City - sul tema “genio e creatività” con un richiamo a Leonardo da Vinci che viene celebrato a 500 anni dalla morte, dal 3 al 9 maggio.

Così la presentazione di TuttoFood 2019, in una location d’eccezione come la Sacrestia del Bramante nel complesso di Santa Maria delle Grazie, luogo leonardesco per eccellenza dove il Genio dipinse il Cenacolo, ha assunto un’importanza particolare sia per il “sistema agroalimentare” che per il “sistema Milano” che ancora una volta fa squadra per valorizzare e promuovere la Fiera e la città come hub internazionale del cibo di qualità. Inaugurazione alla quale ha preso parte il ministro alle Politiche agricole e al Turismo Gian Marco Centinaio. “L’agroalimentare continua ad essere un settore in crescita in Italia e all’estero, esportiamo prodotti per un valore di oltre 42 miliardi e dobbiamo mantenere questi livelli - ha detto -. Il compito del governo e del ministero è quello di agevolare le imprese sui mercati stranieri con prodotti di assoluta qualità che vanno tutelati e promossi anche attraverso fiere internazionali come TuttoFood”.

Ruolo della manifestazione sottolineato anche dall’ad di Fiera Milano, Fabrizio Curci. “TuttoFood si sta evolvendo, da fiera dell’offerta a fiera della domanda ed è un hub fondamentale che mette assieme questi aspetti aiutando le imprese in una visione di ecosistema globale, aperto in cui l’Italia esporta all’estero e importa dall’estero. Un punto di forza, un valore sul quale puntiamo per sostenere la crescita. lo dimostra l’aumento costante degli espositori italiani e quello dei Paesi stranieri”. “In particolare - ha aggiunto Curci - stiamo investendo molto, supportati da Ice e da diverse Regioni, per portare a TuttoFood e a Milano sempre più buyer stranieri selezionati da tutto il mondo. E la nostra è l’unica manifestazione italiana certificata dal Ministero dell’Agricoltura degli Stati Uniti come motore in grado di incentivare l’export dal Paese”. Parole confermate dai numeri, perché a oggi sono 32 i Paesi esteri che hanno confermato la loro partecipazione con importanti e numerose collettive provenienti da Spagna, Grecia, Portogallo, Usa, Regno Unito e Cina.

"L'agroalimentare è di assoluta importanza ed esercita un fortissimo appeal sui turisti - ha spiegato invece l'assessore allo Sviluppo economico della Lombardia, Alessandro Mattinzoli -. È confermato dai dati che un terzo dei turisti che arrivano in Italia la scelgono, oltre che per le bellezze paesaggistiche e artistiche, per i prodotti agroalimentari. Partecipare a TuttoFood per le nostre imprese è fondamentale. Ci sarà una due giorni di formazione gratuita organizzata da Regione Lombardia e Unioncamere su marketing, contrattualistica, fiscalità, dogane, oltre alla consulenza diretta in fiera da parte di professionisti sui temi legati ai clienti esteri. La Regione ha stanziato 100.800 euro per questa iniziativa e partecipando al bando 42 aziende lombarde vi potranno accedere".

Fra le - tante - novità dell’edizione 2019 c’è Evolution Plaza, l’area in cui aziende e centri di ricerca potranno sperimentare e dialogare tra loro per analizzare le tecnologie 4.0: tracciabilità del prodotto, Intelligenza artificiale, accounting (pagamenti) e delivery (consegne). Innovazioni digitali che potranno aiutare la crescita di tutto il comparto. Netcomm, il Consorzio del Commercio elettronico Italiano, presenterà in quest’area l’eCommerce Food Lab, che affronterà il tema del digital retail agroalimentare. Al debutto anche TuttoWine, lo spazio dedicato al vino inrealizzato in collaborazione con UIV- Unione Italiana Vini, che consente ai buyer di accostare al food un elemento imprescindibile come il beverage di qualità. Da segnalare poi le due nuove aree dedicate alle tradizioni nutrizionali di culture differenti come TuttoKosher e TuttoHalal, a sottolineare la valenza internazionale della manifestazione.

Anticipate anche due ricerche che saranno presentate in fiera. La ricerca Iri-TuttoFood che analizza le dinamiche dell’alimentare nel largo consumo evidenzia che nel 2018 le vendite nella grande distribuzione organizzata segnano una sostanziale stabilità (+0,1% in valore), per un totale di 65,6 miliardi di euro rispetto ai 65,5 miliardi nel 2017 e un -0,6% in volume (contro +2% del 2017), a fronte di un incremento dei prezzi dello 0,7%. A gennaio 2019 l’alimentare ha fatto segnare un positivo +4,6% in valore e +4,8% in volume. Dato confermato anche dall’Istat che a gennaio rileva le vendite al dettaglio in aumento dello 0,5% su dicembre e dell'1,3% rispetto a inizio 2018.
Interessante il cambio di marcia da parte del consumatore italiano rilevato da Iri: tra il 2009 e il 2018 ha cambiato le priorità di spesa privilegiando sempre più il food & beverage.

La ricerca commissionata da Fiera Milano e TuttoFood condotta da Labcom – Laboratorio di ricerche sulla comunicazione aziendale dell’Università Cattolica, dedicata a innovazione, tecnologia e trend del cibo tra produzione e consumo evidenzia invece come le nuove aree di innovazione nell’industria si stiano sviluppando attorno a tecniche di coltivazione più sostenibili. Quattro i macrotrend analizzati: cibo e innovazione, novel food, cibo e tecnologia, nuove frontiere dell’organic food. Un trend emergente è quello delle stampanti 3D per gli alimenti, per sopperire alla malnutrizione attraverso una dieta corretta, valori nutrizionali dei piatti e metodi di preparazione più sostenibili. In aumento a livello globale degli investimenti del settore nella nutrigenomica. A livello individuale si afferma il social cooking, l’edonismo alternativo che propone nuovi ruoli sociali in cui il consumatore diventa protagonista preparando direttamente il cibo.

FOOD CITY, CIBO E CULTURA ALIMENTARE NEL SEGNO DI LEONARDO

Il cibo diventa evento anche in città con la Milano Food City, iniziativa diffusa che nasce dalla collaborazione tra Comune di Milano, Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Coldiretti Lombardia, Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza, Fiera Milano, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e Fondazione Umberto Veronesi.
Per una settimana, dal 3 al 9 maggio, Milano sarà animata da talk, percorsi, eventi, incontri, arte, degustazioni e esperienze cultural-gastronomiche in una grande festa del cibo e della cultura alimentare. Nel segno di Leonardo, del “genio e della creatività” che nel cibo trova una sua declinazione naturale. Dalla ricerca scientifica e tecnologica applicata al food, per uno stile di vita sano e salutare allo sport, alla prevenzione fino alla sostenibilità ambientale ed economica. A cui si aggiungono arte e spettacolo che valorizzano gli aspetti più edonistici legati al gusto, convivialità che rende il cibo un’occasione di scambio, arricchimento sociale e confronto. Tra le iniziative il focus sulle imprese innovative e startup con Assolombarda, il Global Food Innovation Summit organizzato da Seeds&Chips, la Food Week e le iniziative all’ortomercato curate da Sogemi.

Anche quest’anno Milano Food City sarà la cornice di #piusiamopiùdoniamo il progetto di solidarietà promosso dal Comune insieme a Banco Alimentare, Caritas e Pane Quotidiano per sensibilizzare i milanesi sui temi della raccolta di derrate alimentari da distribuire a chi si trova in una situazione di fragilità economica.
“Il successo di pubblico e partecipazione riscosso nelle due passate edizioni di Milano Food City ci ha motivati nel proseguire in una scelta vincente come quella di puntare su un calendario di eventi diffusi in tutta la città per raccontare il cibo e la cultura alimentare e sensibilizzando i cittadini sui temi della lotta allo spreco alimentare e all’attenzione verso gli altri - ha detto l’assessore alle Politiche del Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani -. È un appuntamento fisso nel calendario delle week proposte dal Comune. Una manifestazione che è stata capace di affermarsi tra gli operatori e i milanesi per promuovere la cultura del cibo come elemento di aggregazione, solidarietà e conoscenza del territorio”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.