Un milione e 210mila sì per cambiare il porcellum Le firme in Cassazione

Il Comitato promotore ha portato in Cassazione le firme per chiedere il referendum e abrogare l'attuale legge popolare. Esultano Vendola e Di Pietro

Un milione e 210mila sì 
per cambiare il porcellum 
Le firme in Cassazione

Una valanga di firme per abrogare il porcellum. Questa mattina il Comitato promotore ha portato in Cassazione un milione e 210mila firme per abbattere l'attuale legge elettorale. Adesso la palla passa all’Ufficio centrale per il referendum della Suprema Corte che sarà chiamato a decidere entro il 15 dicembre. "Ora serve una svolta", ha commentato il Comitato esultando per il risultato raggiunto.

Da Arturo Parisi a Mario Segni, da Gennaro Migliore al leader IdV Antonio Di Pietro: il Comitato promotore per il referendum si è ritrivato in Cassazione a metà mattina. Il primo a salire le scale del Palazzaccio è stato il senatore Idv Stefano Pedica attorniano da centinaia di palloncini di colore rosa. Da una parte il logo dell’IdV dall’altro il disegno di un porcellum che chiede di firmare contro l'attuale legge elettorale. "E' la fine dell’imbroglio, è la fine dalla vergogna - ha commentato l'esponente dipietrista - è la vittoria degli italiani che finalmente possono votare il parlamentare che parla per conto della democrazia e non per interessi personali". Ora il pd Parisi pretende che "chi deve dare una risposta è bene che la dia". A rappresentare il lavoro del Sel di Nichi Vendola erano presenti Loredana De Petris e Gennaro Migliore che, questa mattinata, hanno rivendicato le 150mila firme raccolte. "Un successo di popolo. Una rivolta democratica che va al di là della legge elettorale perchè ai banchetti i cittadini chiedevano di voltare pagina", ha tuonato Migliore spiegando che è iniziato "il conto alla rovescia per la fine dell’epoca Berlusconi".

Anche Di Pietro in festa. L'ex pm è, infatti, arrivato insieme ai furgoncini con i 200 scatoloni colmi delle firme raccolte. "Ancora una volta i cittadini anticipano la politica - ha spiegato il leader dell'Idv - lo hanno fatto l’anno scorso con tre referendum che tutti snobbavano. Lo hanno fatto oggi con questa incredibile raccolta di firme". 

Commenti