Mirandolina alla Corte

Mirandolina alla Corte

Debutta domani alla Corte alle 20.30 «La locandiera» di Carlo Goldoni, con repliche fino a domenica 14 marzo.Prodotta dal Teatro Biondo Stabile di Palermo dove ha debuttato nel gennaio di quest'anno, «La locandiera» è uno spettacolo messo in scena da Pietro Carriglio, che firma anche le scene e i costumi. Protagonista nel ruolo di Mirandolina è Galatea Ranzi, affiancata per l'occasione da Luca Lazzareschi, Nello Mascia, Sergio Basile, Luciano Roman e ancora Maurilio Giaffreda, Domenico Bravo, Eva Drammis, Samuel Kwaku Gyamfi, Jennifer Schittino, Aurora Falcone. Musiche di Matteo D'Amico, luci di Gigi Saccomandi.
Mirandolina, la locandiera, è uno dei personaggi femminili più celebri di tutto il teatro italiano, depositario di una modernità che continua ad affascinare gli spettatori e ad attrarre, da secoli ormai, l'interesse delle maggiori interpreti della scena nazionale e internazionale. Carlo Goldoni (1707-1793) inventò la protagonista di questa fortunata commedia nel 1750, quando a Venezia molte cose stavano cambiando nelle relazioni sociali e nei costumi interpersonali, compresi quelli riguardanti i rapporti uomo e donna. E la sua protagonista è diventata, anche al di là delle intenzioni del suo autore, non solo esempio palese dello scontro tra le classi sociali e tra i sessi, ma anche archetipo della donna moderna dal carattere forte e volitivo, di una femminilità conscia del proprio fascino e delle proprie possibilità, capace di condurre un gioco seduttivo per proprio, esclusivo piacere intellettuale.
Per La locandiera - in scena alla Corte da domani a domenica 14 marzo 2010 - sono validi tutti gli abbonamenti (Fisso, Libero e Giovani), oltre che le consuete agevolazioni per studenti e gruppi organizzati.

Commenti

Grazie per il tuo commento