Mondiali di atletica, giallo sul sesso di Semenya: corre la finale 800 donne

La federatletica mondiale non è sicura che Caster Semenya sia una donna. L’atleta del Sudafrica parteciperà alla finale degli 800 metri ai mondiali di Berlino: è in pole position per la conquista dell'oro

Mondiali di atletica, giallo 
sul sesso di Semenya: 
corre la finale 800 donne

Berlino - La federatletica mondiale non è sicura che Caster Semenya sia una donna: l’atleta del Sudafrica, intanto, stasera parteciperà alla finale degli 800 metri ai Mondiali di Berlino ed è in pole position per la conquista della medaglia d’oro. La Iaaf ha disposto una serie di esami per accertare l’identità sessuale della 18enne.

Il dubbio sul sesso "Non abbiamo elementi definitivi tali da impedire che corra", dice Nick Davies, portavoce della Iaaf. L’atleta sudafricana è salita alla ribalta nelle ultime settimane con uno strepitoso crono di 1'56"73, miglior prestazione dell’anno negli 800. Ad attirare l’attenzione, però, sono stati anche fisico e voce. "Aspettiamo l’esito degli esami, semplicemente siamo fuori tempo massimo", dice Davies scartando la possibilità di provvedimenti prima della finale odierna. "Sarebbe un terribile errore escludere l’atleta", aggiunge.

Il tempo migliorato Nel 2009, la Semenya ha migliorato il proprio record personale di ben 7 secondi. "Il test per stabilire il genere sessuale è complesso, comprende la valutazione di aspetti fisici e psicologici. Si tratta di un iter complesso e costoso, oltretutto bisogna seguire la procedura prestando particolare attenzione alla privacy", aggiunge Davies, ipotizzando che "i risultati arriveranno nel giro di alcune settimane. Ma non ne sono sicuro". Alla finale di stasera, in programma alle 21.35 all’Olympiastadion, partecipa anche l’azzurra Elisa Cusma. 

Commenti